Cancro ai testicoli in aumento soprattutto tra i giovani

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 06/06/2019 Aggiornato il 06/06/2019

L’incidenza del cancro ai testicoli cresce del 2% all’anno, in particolare nel nord Italia. Fertilità a rischio

Cancro ai testicoli in aumento soprattutto tra i giovani

Secondo l’andrologo Carlo Foresta, professore dell’università di Padova, che ha reso noti i risultati dell’ultimo studio della Fondazione Foresta di Padova, ottenuti incrociando i dati dell’Airtum (Associazione italiana registri tumori) con quelli provenienti da analoghi centri di raccolta del Nord Europa, l’incidenza del cancro ai testicoli aumenta del 2% all’anno nel nostro Paese.

Diagnosi in continua crescita al Nord

Gli ultimi dati riportano una continua crescita di tumori testicolari, con 2.400 nuovi casi l’anno. Esiste una variazione geografica che, da sud a nord, rivela un aumento del cancro ai testicoli in Italia. Nel Veneto si registra l’incremento più rilevante, che supera la media nazionale ma anche quella dei Paesi scandinavi, considerati fino ad oggi quelli a più alta incidenza per questo tipo di tumore. Qui l’incidenza sale a 8,3 casi su 100 mila e diventa ancora più elevata considerando solo la popolazione degli under 50. Quali siano le cause di questa tendenza non è ancora dimostrato, ma è innegabile una relazione tra le alterazioni della funzione testicolare e il forte inquinamento ambientale, come già documentato nei Paesi scandinavi.

Poca informazione e prevenzione

Il problema è che il maschio non si cura e non fa prevenzione, a differenza della donna; inoltre non si effettuano adeguate campagne di informazione e di screening, a differenza di quanto accade per altri tumori, come per esempio quello del collo dell’utero() che, proprio grazie alla continua proposta di screening, ha visto una netta riduzione. Nella donna i tumori all’apparato riproduttivo, infatti, stanno diminuendo, mentre quelli dell’uomo aumentano. I motivi sono molti, tra tutti la scarsa attenzione che il maschio ha per la propria salute. Fare prevenzione significa permettere di ridurre il rischio di sviluppare delle malattie eliminando i fattori all’origine, identificandole precocemente in modo da poter intervenire al più presto e consentire maggiori probabilità di guarigione. Il risultato quindi non è solo la riduzione del rischio di ammalarsi, ma anche una migliore fertilità.

 

 

Da sapere!

L’autopalpazione dei testicoli rappresenta un importantissimo strumento di prevenzione secondaria che tutti gli uomini dovrebbero effettuare ogni mese.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Plagiocefalia posteriore in bimbo di 3 anni: che fare?

07/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Nel primo anno di vita, il 20 per cento della popolazione pediatrica è interessata da un'assimetria del cranio che non richiede interventi chirurgici e non influisce sul normale sviluppo del bambino. Caschetto e terapia posizionale sono invece ausili preziosi.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti