Cancro al seno, l’aiuto arriverà dalla genomica

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 27/07/2020 Aggiornato il 27/07/2020

Screening e cure su misura e personalizzate per combattere con sempre maggiore efficacia il cancro al seno

Cancro al seno, l’aiuto arriverà dalla genomica

Personalizzare al massimo ogni passaggio per la lotta al cancro al seno, dagli screening alle cure. È questa la strada che nei prossimi dieci anni permetterà di tenere sotto controllo e forse di vincere la battaglia contro il cancro al seno, con un grande successo per la salute della donna. Genomica sarà la parola d’ordine per il futuro, come annunciato da Fabrice André, oncologo ricercatore del Gustave Roussy Cancer Campus di Villejuif e docente di Medicina all’Università di Parigi-Saclay, all’apertura dell’Esmo Breast Cancer, il congresso europeo dedicato al cancro al seno, che ha visto la partecipazione di otto mila ricercatori da tutto il mondo e che, per ovvie ragioni di sicurezza, si è tenuto a maggio per la prima volta in via virtuale.

Diagnosi e terapie ad hoc

Ma cosa significa personalizzare quando si parla di tumore al seno? Innanzitutto poter fare screening su misura, stime del rischio individuali, valutazioni della prognosi di ogni singolo caso, analisi dell’evoluzione genetica della malattia tramite biopsia liquida e in seguito mettere a punto terapie ad hoc, con farmaci complessi sviluppati grazie a nuove biotecnologie proprio a partire da queste informazioni.

In sostanza in futuro tutto sarà guidato dalla genomica: ogni decisione in termini di analisi e di cura del cancro al seno partirà dalle informazioni contenute nel Dna estratto dalle cellule tumorali. 

Identificare chi è ad alto rischio

Il primo sforzo da fare per personalizzare lo screening? Identificare le pazienti ad alto rischio e adattare lo screening. I fattori da tener conto sono molti, oltre a quello già ben noto che è la mutazione nei geni BRCA che aumentano di molto le possibilità di ammalarsi di cancro al seno.

Dalla mammorafia alla biopsia liquida

Gli strumenti a disposizione sono soprattutto la mammografia e la risonanza magnetica, ma l’attenzione è rivolta alla biopsia liquida, una tecnologia ancora non del tutto matura per essere usata nella popolazione generale, ma che sta cominciando a dare risultati interessanti e che si auspica potrà presto essere utilizzata su ampia scala per una diagnosi precisa e rapida.

Individuare i “driver”

Un ulteriore obiettivo per il futuro è sicuramente quello di individuare i meccanismi molecolari che guidano la progressione del tumore in ogni specifico caso, i cosiddetti driver, alterazioni dei geni o di proteine. Negli ultimi quattro anni ne sono state scoperti molti ma è fondamentale fare analisi complete dei genomi e fare comparazioni tra il tumore metastatico e quello iniziale per riuscire a individuare quali sono le mutazioni che si presentano più frequentemente nei casi di metastasi.

Seguire l’evoluzione del genoma del tumore

Un ulteriore punto su cui serve incrementare la ricerca per arrivare a una risposta sicura riguarda il fatto se il tumore può restare quiescente per molto tempo e poi improvvisamente risvegliarsi eludendo i farmaci per arrivare a danneggiare altri organi. Per fare questo occorre riuscire a seguire l’evoluzione del genoma del tumore nel tempo e in questo potrebbe fare la differenza propria la biopsia liquida.

 

 

 

 
 
 

CHE COS’È LA GENOMICA

 

La genomica è una branca della biologia molecolare che si occupa dello studio del genoma, cioè la quantità complessiva dei cromosomi contenuti in una cellula. Se la genetica si occupa dello studio delle proprietà dei singoli geni, la genomica studia le proprietà dell’insieme dei cromosomi.

 

Fonti / Bibliografia

  • ESMO Breast Cancer 2020Due to the current situation with the Covid-19 infection, it was not possible to proceed with the ESMO Breast Cancer Congress in its original format.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti