Cancro al seno peggiora con lo smog

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/02/2017 Aggiornato il 22/02/2017

Smog e cancro al seno: confermato il legame tra le polveri sottili e il rischio di morte per le donne già malate

Cancro al seno peggiora con lo smog

È risaputo: lo smog non fa bene alla salute. Nello specifico, recenti ricerche hanno dimostrato che l’inquinamento danneggia soprattutto le donne. Uno studio italiano conferma, in particolare, la correlazione tra la concentrazione di particolato sottile e un aumento del rischio di morte per le donne con precedente diagnosi di cancro al seno.

Uno studio su oltre 2.000 donne

È il primo studio in Europa, ma il terzo in tutto il mondo (dopo quelli in California e Cina), che conferma il nesso tra esposizione a Pm2.5 – il particolato più dannoso per la salute – e prognosi terminale del tumore al seno. Lo studio, guidato da Paolo Contiero, responsabile della Struttura semplice dipartimentale di epidemiologia ambientale dell’Istituto nazionale tumori, ha coinvolto 2.021 donne, cui era stato diagnosticato il cancro al seno tra il 2003 e il 2009. Per stabilire il legame, sono stati confrontati i dati del Registro tumori con le rilevazioni effettuate mediante strumentazioni satellitari. I risultati hanno dimostrato un incremento del rischio di morte tra il 72% e l’82% nelle donne più esposte alle polveri Pm2.5.

Nuovi approfondimenti per cure più mirate

Le coordinate geografiche dei luoghi di residenza delle donne coinvolte nello studio sono state individuate attraverso un sistema Gis (Sistema informativo geografico), mentre la densità delle polveri Pm2.5 è stata misurata tramite i satelliti dai fisici canadesi della Dalhousie University  e dall’équipe del Centro di Astrofisica Harvard-Smithsonian di Cambridge. Come afferma l’autore principale dello studio, i risultati “sono altamente rappresentativi, in quanto basati su un Registro tumori di popolazione capace di intercettare tutti i casi di neoplasia presenti su un territorio e su una popolazione di donne numericamente elevata. Inoltre, i risultati sono simili a quanto già osservato nello studio californiano e in quello cinese. Uno dei punti di forza dello studio dell’Int è l’utilizzo innovativo dei dati satellitari (gli studi californiani e cinesi, invece, avevano usato metodiche basate sulle centraline di rilevazione degli inquinanti), che identificano le concentrazioni di particolato nelle diverse zone con copertura esaustiva di tutto il territorio”. Lo scienziato ha tuttavia rilevato la necessità di ulteriori approfondimenti, per determinare in maniera più precisa le cause di questa correlazione, al fine di definire strategie di cura più efficaci per le donne a cui è stato diagnosticato il cancro al seno.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Anche nei Paesi in via di sviluppo, dove le concentrazioni di particolato sono in aumento, si registrano più casi di neoplasia alla mammella.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti