Caos tamponi: facciamo chiarezza!

Elisa Carcano A cura di Elisa Carcano Pubblicato il 13/01/2022 Aggiornato il 13/01/2022

I consigli degli esperti della Simit, Società italiana di malattie infettive e tropicali, sui tamponi: quali usare a seconda delle circostanze e soprattutto quando, onde evitare lunghe code davanti alle farmacie e ai drive-through con gli inevitabili, quanto mai inopportuni, assembramenti

Caos tamponi: facciamo chiarezza!

Da prima di Natale sono diventate immagini purtroppo consuete lunghe code di cittadini in fila per ore – al freddo – davanti alle farmacie o agli appositi hub o serpentoni di auto in coda ai drive-through allestiti ormai un po’ ovunque in tutta Italia per fare un tampone, perché sospetti positivi o perché venuti a contatto con una persona positiva o – ancora – per un controllo nel timore di essere positivi e di poter contagiare,  quindi, una persona fragile, come i nonni. E poi ancora perché – trascorso il periodo di quarantena in quanto positivi – devono effettuare il tampone di controllo che accerti la negativizzazione e quindi consenta la ripresa delle normali attività, a cominciare da quella lavorativa e scolastica. Senza dimenticare chi – che per scelta ha deciso di non vaccinarsi – deve ogni 48 ore  sottoporsi a un tampone (72 ore se molecolare) per ottenere il green pass base per avere accesso a una serie di attività, sempre meno, però, se si considera la stretta impressa dal governo che sta imponendo il green pass rafforzato  – ottenibile solo con il vaccino o se si è guariti dal Covid – per un numero sempre più ampio di attività, compreso dal 10 gennaio l’accesso a autobus e metropolitane.

Ce ne sono diversi tipi

Insomma, le occasioni per fare i tamponi non mancano di certo. E la confusione è tanta tra le persone (e parliamo di milioni di italiani, data l’alta contagiosità della variante Omicron), che non sanno più come destreggiarsi tra quelli a disposizione: tamponi molecolari, antigenici di prima, seconda e terza generazione  e kit salivari fai-da-te (che – ricordiamolo – non hanno valenza ai fini del rilascio del green pass base).

Quali e quando farli

Per fare chiarezza sui vari tamponi e sul loro utilizzo si è espressa la Simit, Società italiana di malattie infettive e tropicali, per bocca del bocca del suo presidente, il professor Claudio Mastroianni. “Un soggetto asintomatico, se vaccinato con tre dosi o con due dosi da meno di 120 giorni, deve mettersi in autosorveglianza ed effettuare un tampone in caso di sintomi sospetti – spiega Mastroianni – . Nei soggetti sintomatici si possono eseguire diversi tipi di tampone: antigenico o molecolare. Se un tampone rapido in un soggetto con sintomi è negativo, sarà opportuno ripetere un test antigenico o molecolare 5 giorni dopo in caso di persistenza dei sintomi. L’ideale sarebbe un tampone molecolare”.

Non tutti i tamponi sono uguali

Prosegue Mastroianni: “I test antigenici disponibili in farmacia sono qualitativi (rivelano cioè l’eventuale positività del soggetto) e possono dare dei falsi negativi, avendo una sensibilità più bassa, intorno al 70%, rispetto ai molecolari. Vi è anche un altro test, tra quelli antigenici di ultima generazione, detti semiquantitativi che vengono eseguiti nei laboratori di riferimento e rappresentano un’alternativa ai tamponi molecolari. Esistono, quindi, tamponi antigenici rapidi semiquantitativi più affidabili. L’unità di misura è chiamata COI (Cut Off Index): se questo supera quota 10 la positività è pressoché certa e non è necessario fare un test molecolare per la conferma. Finora questi test sono stati utilizzato nei laboratori, ma a breve arriveranno anche nelle farmacie e potranno essere prescritti anche dal medico di medicina generale”.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Se un tampone antigenico in un soggetto sintomatico è negativo, è opportuno in caso di persistenza dei sintomi ripeterlo a distanza di 5 giorni. In quest’ultimo caso è consigliato il tampone molecolare.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti