Celiachia: la prima analisi si fa in bocca

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/07/2016 Aggiornato il 20/07/2016

Un’attenta analisi della bocca può aiutare a individuare i primi segnali della celiachia e ad anticipare diagnosi e cure

Celiachia: la prima analisi si fa in bocca

Si sente parlare spesso di celiachia, di allergia al glutine e cibi per celiaci. Ma c’è molta confusione, soprattutto riguardo la sintomatologia. Dal punto di vista scientifico, la celiachia è una malattia sistemica cronica che colpisce l’apparato intestinale ed è dovuta a una forte intolleranza al glutine, una sostanza composta da due proteine contenuta in moltissimi cereali.

La visita dall’odontoiatra

Non molti, però, sanno che un’attenta analisi dello stato della bocca può essere un aiuto efficace per individuare la celiachia: proprio nella cavità orale, infatti, possono nascondersi dei preziosi indizi. Afte e macchie sullo smalto dei denti  sono le “spie” più comuni, che suggeriscono la presenza di qualche problema a livello intestinale. Tuttavia, come afferma Jacopo Gaultieri, odontoiatra membro dell’Eao (European association for osseointegration), specializzato in implantologia e rigenerazione ossea, “il disturbo intestinale è solo il primo di una serie di reazioni che possono colpire anche altre sedi del corpo”.

La dieta di eliminazione

Essere celiaco comporta l’eliminazione di tantissimi tipi di cereali, dal grano, al farro fino al kamut, prestando attenzioni anche a cibi insospettabili, come per esempio la salsa di soia o il lievito per dolci, che potrebbero contenere glutine. In caso di diagnosi tardiva della celiachia, l’ingestione di glutine comporta danni alla mucosa intestinale, provocando a lungo andare altri tipi di malattie o disturbi, anche gravi, come fragilità ossea e difficoltà a concepire(). Mediamente, la celiachia è una malattia che colpisce di più le donne, con la massima insorgenza tra i 30 e i 40 anni.

 

 

 

 
 
 

In breve

DISTINGUERE CON LA SENSIBILITA’ AL GLUTINE

Celiachia e sensibilità al glutine non sono la stessa cosa: la prima è una vera e propria malattia che colpisce la mucosa intestinale, mentre la seconda non provoca danni alla mucosa intestinale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti