Cervello donne più a rischio demenza: allenarlo per proteggerlo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/06/2016 Aggiornato il 23/06/2016

Tra le motivazioni di un maggior rischio di declino per il cervello femminile ci sono ragioni biologiche e genetiche. Ma prevenire la demenza si può. Ecco come

Cervello donne più a rischio demenza: allenarlo per proteggerlo

Leggere, parlare, confrontarsi, visitare musei, non perdere l’occasione di cimentarsi in attività tipo parole crociate e sudoku ogni volta che si può. E, infine, praticare attività fisica: sono tanti e diversi i modi per tenere allenato il cervello per tenere il più possibile a distanza il declino cognitivo. Importante è anche alimentarsi bene. Consigli per un sano stile di vita che valgono per tutti ma soprattutto per le donne, che rispetto agli uomini rischiano maggiormente di ammalarsi di demenza.

Il parere dell’esperto

A parlare del cervello delle donne e del fatto che sia più a rischio di declino cognitivo rispetto a quello degli uomini è il neurochirurgo Giulio Maira, presidente dell’associazione Atena Onlus, nata con l’obiettivo di promuovere la ricerca nel campo delle neuroscienze: il consiglio per mantenere in salute il più a lungo possibile il cervello femminile è proteggere questo organo in modo da aumentare le sue “riserve”, spiega lo studioso.

Consigli smart

Ma cosa possiamo fare per proteggere il cervello? “Seguire corretti stili di vita – spiega Maira – come mangiare bene, fare attività fisica, limitare lo stress e riposare correttamente”. Importante è poi “allenarlo” per mantenerlo giovane, “parlando, leggendo, impegnandosi in varie attività che diano ogni giorno a questo organo nuova materia su cui lavorare – spiega il neurochirurgo -. Il cervello, infatti, con gli anni perde progressivamente cellule neuronali, ma nonostante ciò può aumentare le proprie connessioni e le reti neurali proprio grazie alle attività che lo tengono impegnato”.

Differenze biologiche e genetiche

Stando ai dati raccolti, il cervello femminile è più a rischio di quello maschile per varie malattie, tra cui la demenza. “Questo accade – conclude il neurochirurgo – per ragioni biologiche come, per esempio, il fatto che alle donne vengono a mancare estrogeni con la menopausa e non è provato che la terapia sostitutiva possa proteggere totalmente il cervello. Ci sono, inoltre, anche delle differenze a livello genetico che possono giocare un ruolo di una certa importanza”.

 

 

 

 
 
 

In breve

COSI’ RINGIOVANISCE A TAVOLA

Spazio in tavola a pesce, olio di oliva, frutta e verdura: la dieta mediterranea protegge il cervello dall’atrofia cerebrale, naturale conseguenza dell’invecchiamento, facendolo ringiovanire di 5 anni.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti