Cistite: un problema “rosa”

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 01/01/2019 Aggiornato il 05/02/2019

Semplice come bere un bicchiere d’acqua: il noto proverbio calza perfettamente come consiglio per prevenire la cistite

Cistite: un problema “rosa”

Una buona idratazione facilita l’eliminazione dei batteri responsabili della cistite, disturbo prettamente femminile della sfera urologica:  secondo le stime, ne ha sofferto fino a una donna su due almeno una volta nella vita.

Attenzione ai sintomi

La cistite si manifesta con un bisogno impellente di fare pipì più volte al giorno – ben oltre il numero consueto di minzioni quotidiane – e, una volta in bagno, è caratterizzata da un fastidioso bruciore spesso accompagnato da dolore e talvolta anche da sangue.

Problema sottostimato

La cistite si cura con gli antibiotici che, spesso, vengono acquistati dalle donne in “autonomia”, seguendo il consiglio di parenti e amiche, e quindi senza prescrizione medica. Come spiega Elisabetta Costantini, docente della Clinica Urologica e Andrologica dell’Università di Perugia e membro della Società Italiana di Urologia, “se avessimo i dati reali di vendita degli antibiotici impiegati per la cistite scopriremmo che il numero di donne che soffre di questo disturbo è forse il triplo di quanto pensiamo: tantissime si curano da sole”.

Rivolgersi al medico

Costantini spiega, però, che l’atteggiamento giusto per non fare errori e guarire al meglio è chiedere consiglio al medico: dal momento che i sintomi si presentano spesso in modo acuto e violento “il medico di famiglia è il primo cui bisogna rivolgersi per identificare il problema e avere la terapia corretta, che prevede l’uso del giusto antibiotico, alla dose più opportuna e per il minor tempo possibile. Per questo sono ottimi i farmaci che possono essere dati una sola volta. Se la terapia è corretta e ben seguita in 24, massimo 48 ore, passa tutto”.

Più colpite le donne

La cistite è un problema molto più comune nelle donne a causa della loro conformazione anatomica: l’uretra femminile è corta, per cui il passaggio di germi fecali dalla vagina o dall’ano verso la vescica è più facile rispetto agli uomini. “L’acqua – spiega l’esperta – è la prima alleata durante un episodio acuto e per prevenirne altri: bere e urinare molto aiuta, infatti, a drenare i microrganismi e a prevenire l’infezione. Altrettanto importante è una buona igiene intima, che però deve evitare il ricorso a detergenti aggressivi, che possano alterare la microflora batterica vaginale”.

 

 

lo sapevi che?

Si parla di “cistite ricorrente” quando il disturbo si ripete più di tre volte all’anno o più di due volte in sei mesi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti