Cocaina: modifica un gene alimentando la dipendenza

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 16/10/2019 Aggiornato il 16/10/2019

L’uso prolungato della cocaina rende più attivo un gene che alimenta la dipendenza. Lo afferma un nuovo studio americano

Cocaina: modifica un gene alimentando la dipendenza

Secondo uno studio della Michigan State University, pubblicato sul Journal of Neuroscience, anche la genetica potrebbe svolgere un ruolo importante nella dipendenza da cocaina. Infatti, l’uso continuo di questa droga modifica l’espressione di un gene nell’ippocampo, che è una parte del cervello responsabile della memoria e dell’apprendimento, rendendolo più attivo. Un cambiamento che potrebbe appunto spiegare la dipendenza da questa sostanza.

Lo studio in laboratorio

Per la ricerca, svolta sui topi, è stato esaminato il modo in cui l’esposizione alla cocaina influenzasse l’espressione del gene, denominato FosB, nell’ippocampo. Come gruppo di controllo sono stati utilizzati dei topi a cui veniva somministrato un placebo, una soluzione salina. I roditori cui è stata somministrata quotidianamente cocaina hanno mostrato una maggiore espressione del gene FosB rispetto a quelli del gruppo di controllo. L’uso continuo di cocaina ha causato una modificazione che ha reso il gene più attivo. Inoltre, quando gli studiosi hanno bloccato le modifiche al FosB, i topi non sono risultati in grado di formare associazioni tra la cocaina e l’ambiente in cui l’hanno ricevuta.

Nuove terapie contro la dipendenza

Per i ricercatori i risultati offrono nuove informazioni sui cambiamenti molecolari che avvengono nell’ippocampo durante l’utilizzo continuativo di questa droga. Gli studiosi della Michigan State University pensano che quando questo gene è “attivo”, il cervello di un tossicodipendente crei legami più forti tra la droga e l’ambiente in cui viene assunta, il che porta a elaborare ricordi positivi e rende più propensi a riutilizzarla. Ulteriori ricerche nel settore potrebbero portare allo sviluppo di terapie contro la dipendenza.

 

 

Da sapere!

Studi precedenti avevano già preso in considerazione la genetica riguardo la dipendenza da cocaina: secondo una ricerca cinese la vulnerabilità alla tossicodipendenza si tramanda forse di padre in figlio e potrebbe essere scritta nel Dna, in particolare nei centri nervosi del piacere.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti