Colesterolo cattivo: livelli più restrittivi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/12/2017 Aggiornato il 19/12/2017

Si abbassano i livelli consentiti relativi al colesterolo cattivo e, a differenza di quanto creduto fino a oggi, aumentare quelli del colesterolo buono non apporta alcun beneficio

Colesterolo cattivo: livelli più restrittivi

I valori-limite del colesterolo cattivo consentiti sono sempre più bassi. Secondo le nuove indicazioni mediche, una persona in salute non dovrebbe avere nell’organismo livelli di colesterolo cattivo (o Ldl, Low density lipoprotein) che superino i 100 milligrammi per decilitro (mg/dl) di sangue, mentre le persone a rischio di sviluppo di patologie cardiovascolari non dovrebbero mai oltrepassare la soglia dei 70 mg per decilitro. I nuovi parametri sono stati comunicati nel corso del XI Congresso annuale della Società italiana di terapia clinica e sperimentale (SITeCS) e del Congresso regionale lombardo della Società italiana per lo studio dell’aterosclerosi (Sisa), e aggiornano quanto stabilito l’anno scorso dalla Società europea di cardiologia, che aveva raccomandato ai soggetti ad alto rischio di mantenersi al di sotto dei 100 mg/dl.

Abbassarlo si può

A dare la notizia è stato Alberico Catapano, professore ordinario all’Università di Milano, che precisa: “Contrariamente a quanto si credeva fino ad oggi, il colesterolo cattivo può essere portato a livelli davvero bassi, soprattutto per i soggetti che hanno un rischio cardiovascolare elevato: scendere a valori sotto i 50 mg/dl porta a benefici cardiovascolari ulteriori senza alcun effetto avverso identificabile”.

“Buono” alto non serve a niente

Le novità non riguardano solo l’abbassamento dei livelli massimi consentiti del colesterolo cattivo. Sembra infatti, non serva a nulla aumentarne la quantità nel sangue del colesterolo buono (o Hdl, High density lipoprotein), a differenza di quanto ritenuto finora. “I risultati recenti di studi pubblicati sulle riviste scientifiche New England Journal of Medicine e Jama a fine agosto 2017 – precisa Catapano – concludono che il colesterolo buono o Hdl è un indicatore neutro, e aumentarlo non apporta reali benefici”.

 

Da sapere!

Attualmente circa il 20% della popolazione italiana, vale a dire una persona su cinque, ha livelli elevati di colesterolo nel sangue. Il problema comincia a riguarda anche i bambini.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti