Colesterolo cattivo: per le donne pericoloso anche se è troppo basso

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 18/06/2019 Aggiornato il 18/06/2019

Danneggiano la salute non solo quantità elevate di colesterolo cattivo, ma anche livelli eccessivamente bassi che raddoppiano il rischio di un tipo di ictus. Ecco perché

Colesterolo cattivo: per le donne pericoloso anche se è troppo basso

Che livelli elevati di colesterolo cattivo nel sangue facciano male alla salute non è una novità. Un recente studio, però, mette ora in evidenza che anche bassi livelli di questa sostanza nel sangue possono costituire un pericolo per il benessere dell’organismo, in particolare delle donne.

Rischio aumentato per il cuore

A sostenerlo è una ricerca condotta dai ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston (Stati Uniti) e pubblicata sulla rivista Neurology, da cui emerge che nelle rappresentanti del gentil sesso livelli di colesterolo cattivo anche contenuti possono arrivare a raddoppiare il rischio di subire un ictus emorragico, meno comune di quello ischemico ma anche più pericoloso perché meno curabile.

Colesterolo buono e cattivo

Il colesterolo è un grasso presente nel sangue. Perlopiù viene prodotto dall’organismo, mentre in minima parte viene introdotto tramite l’alimentazione. In quantità fisiologiche è coinvolto in diversi processi fondamentali per il funzionamento dell’organismo, mentre quando è presente in quantità eccessiva rappresenta uno dei fattori di rischio maggiori per lo sviluppo delle malattie cardiache. Il colesterolo viene trasportato all’interno di strutture molecolari chiamate lipoproteine: le due principali tipologie sono le lipoproteine ad alta densità o Hdl (High density lipoprotein), conosciute come colesterolo “buono”perché favoriscono la rimozione del colesterolo dal sangue, e le lipoproteine a bassa densità o Ldl (Low density lipoprotein), conosciute anche come colesterolo “cattivo”, perché trasportano l’eccesso di colesterolo e lo rilasciano nei vasi sanguigni determinando un aumento di rischio di sviluppo dell’aterosclerosi. Va però precisato che valori normali di colesterolo Ldl non sono pericolosi per l’individuo, ma sono anzi necessari per il corretto funzionamento dell’organismo: è un loro eccesso che può portare a gravi rischi per la salute, aumentando soprattutto il pericolo di eventi cardiovascolari.

Tenere sotto controllo pressione e fumo

Le Linee guida contro il rischio cardiovascolare indicano di mantenere il livelli di colesterolo cattivo al di sotto dei 100 milligrammi per decilitro di sangue. Ma i ricercatori guidati da Pamela Rist, che hanno tenuto sotto osservazione per 19 anni quasi 28 mila donne dai 45 anni in su, hanno rilevato che è altrettanto pericoloso, per le donne, anche avere livelli di colesterolo troppo bassi, intorno a 70 mg/dl o meno. “Al fine di contenere il più possibile il rischio complessivo di andare incontro a un ictus emorragico – spiega la prima autrice dello studio – le donne con colesterolo e trigliceridi molto bassi dovrebbero essere monitorate per altri fattori modificabili di rischio ictus, quali la pressione del sangue e il fumo”.

 

 

Da sapere!

Le lipoproteine a bassa densità (Ldl), chiamate anche “colesterolo cattivo”, risultano tali quando sono presenti in eccesso nel sangue, dando vita a una serie di eventi nocivi per la salute. In situazioni fisiologiche sono invece indispensabili per il benessere dell’organismo

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti