Colesterolo giù con 2 mele renette al giorno

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 28/02/2020 Aggiornato il 28/02/2020

Le mele renette hanno la proprietà di abbassare i livelli di colesterolo. Merito della grande quantità di fibre e polifenoli in esse contenute. I risultati di uno studio

Colesterolo giù con 2 mele renette al giorno

La mela, per tutti i suoi preziosi nutrienti, si può considerare più che un alimento, quasi un “farmaco”. A maggior ragione se si tratta di mele renette. Secondo un recente studio realizzato dalla Fondazione Edmund Mach di San Michele dell’Adige e dalle Università di Reading della Gran Bretagna e di Trento, e pubblicato sulla rivista The American Journal of Clinical Nutrition, mangiare due mele renette al giorno può contribuire ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

I parametri presi in esame per la salute cardiovascolare

Per arrivare a questo importante risultato, i ricercatori sono partiti dall’analisi di 40 individui, tutti con livelli di colesterolo Ldl leggermente superiori ai limiti di riferimento. Il campione è stato suddiviso in due gruppi e monitorato per due mesi:

– il primo ha mangiato ogni giorno due mele renette Canada;

– il secondo ha bevuto ogni giorno il succo di mela senza fibre e polifenoli antiossidanti.

Al termine delle otto settimane, per valutare lo stato di salute cardiovascolare, i ricercatori hanno misurato a tutti i 40 soggetti:

– la glicemia (zuccheri nel sangue);

– l’insulina;

– la lipidemia (trigliceridi, colesterolo, acidi grassi e fosfolipidi nel sangue);

– il funzionamento delle vene e delle arterie.

Colesterolo giù del 4%

Dall’analisi dei parametri sanguigni è emerso che un consumo quotidiano di mele renette Canada per due mesi riduce del 4% i livelli di colesterolo totale, e soprattutto di quello Ldl (il colesterolo cattivo che si deposita nelle vene e nelle arterie). Il secondo gruppo, infatti, non ha evidenziato alcuna riduzione dei livelli di colesterolo ematico.

Merito delle fibre e dei polifenoli

L’effetto benefico di ridurre il colesterolo nel sangue sarebbe dovuto all’alto contenuto nelle mele renette di fibre e polifenoli, sostanze in grado di operare insieme al microbiota intestinale.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Tre mele al giorno proteggono i polmoni e tutto l’apparato respiratorio.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti