Come fa a venire il tumore al seno? Per prevenirlo meglio evitare alcolici

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 28/02/2022 Aggiornato il 28/02/2022

Le ultime Linee guida dell'American Cancer Society si fanno più stringenti e consigliano, per prevenire il tumore al seno, di non bere alcolici per nulla perché non esiste una quantità minima considerata "sicura"

Come fa a venire il tumore al seno? Per prevenirlo meglio evitare alcolici

Per prevenire il tumore al seno è meglio dare un taglio netto al consumo di alcolici. Evitando varie “quantità minime”  che potrebbero comunque nuocere. La posizione, piuttosto chiara, arriva dall’aggiornamento delle Linee guida su alimentazione e attività fisica per la prevenzione del cancro stilate dell’American Cancer Society: secondo gli oncologi americani, poiché in relazione allo sviluppo del  tumore al seno non esiste una quantità minima di alcol considerata innocua, l’assunzione di alcolici andrebbe evitata del tutto.

Perché l’alcol è cancerogeno?

La raccomandazione di evitare di consumare alcol, e di non indugiare neanche in minime quantità, arriva da diverse considerazioni. L’American Cancer Society spiega che il consumo di bevande alcoliche è tra le cause accertate di almeno 7 tipi di cancro; che sia l’alcol che l’acetaldeide (il suo metabolita) sono cancerogeni per l’uomo; e infine che il consumo di qualsiasi quantità di alcol aumenta il rischio di sviluppare alcuni tumori, in particolare quello al seno.

Quanto incide il consumo di alcol sul rischio oncologico?

Diversi sarebbero i meccanismi  attraverso cui il consumo di alcol favorirebbe lo sviluppo di tumori in generale e di quello al seno in particolare. Sul piano generale, spiegano gli oncologi americani, gli alcolici provocano lo stress ossidativo delle cellule e danneggiano il Dna, oltre a interferire con l’assorbimento di alcuni nutrienti, tutte condizioni che predispongono allo sviluppo di neoplasie.
Per quanto concerne più strettamente il tumore al seno, poi, l’alcol aumenterebbe il livello di estrogeni (coinvolti a loro volta nello sviluppo di un tipo di tumore al seno, quello ormono-sensibile), e infine apporta ulteriori calorie che contribuiscono ad aumentare il peso corporeo, che rappresenta un ulteriore fattore di rischio per il tumore al seno. Da una stima effettuata negli Stati Uniti nel 2014 è emerso che il 16,4% di tutti i casi di tumore al seno erano attribuibili al consumo di alcol.

Cosa stabiliscono le nuove delle Linee guida?

L’American Cancer Society ha aggiornato le Linee guida su alimentazione e attività fisica per la prevenzione del cancro nel 2020, otto anni dopo l’ultima versione. Oltre a consigliare lo svolgimento del doppio dell’attività fisica e a semplificare le indicazioni per seguire modelli alimentari sani, tra gli aggiornamenti c’è quello che riguarda l’assunzione di alcol: mentre nel 2012 la raccomandazione era quella di limitare l’assunzione di alcolici a 1 drink (un bicchiere da 125 ml di vino, una lattina di birra da 330 ml o un bicchierino di superalcolico) al giorno per le donne e 2 per gli uomini, la versione aggiornata delle Linee guida precisa invece che il consumo di alcol  dovrebbe essere evitato del tutto. Posizione condivisa anche dal Codice Europeo contro il cancro, secondo cui non bere alcolici è la scelta migliore per prevenire l’insorgenza di tumori (insieme – tra le altre cose – con lo smettere di fumare, con il mangiare in modo sano ed equilibrato e con lo svolgere attività fisica).

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Quali tumori causa l’alcol?

Il consumo di alcol nuoce alla salute in generale. In particolare, è stato riscontrato un collegamento tra consumo di alcolici e insorgenza di tumori alla bocca, all’esofago, alla gola, al fegato e al seno e, in generale, all’apparato gastro-intestinale.

Cosa fa venire il tumore al seno?

Come per tutti i tipi di tumore, anche quello al seno ha una forte componente genetico-ereditaria. Incidono nell’insorgenza della malattia, poi, anche gli stili di vita. Tra questi, l’alcol è considerato un forte fattore di rischio per il tumore al seno.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti