Contro asma e Bpco arriva un’app

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 01/07/2019 Aggiornato il 01/07/2019

Le malattie che tolgono il respiro, asma e Bpco in primis, non sono di facile gestione. Ma ora arriva l’App Io respiro a semplificare le cose

Contro asma e Bpco arriva un’app

Sono malattie sempre più diffuse e sempre più studiate. Nonostante ciò, ancora oggi asma e Bpco, per le loro stesse caratteristiche, non sono affatto di facile gestione. Ecco perché negli ultimi anni ci si è concentrati sulla messa a punto di strumenti che supportino medici e persone nella cura. Ora in aiuto dei pazienti e delle loro famiglie arriva un nuovo alleato: “Io Respiro”, un’app dedicata che semplifica le cose per chi è affetto da una di queste due malattie che “tolgono il respiro”.

Due malattie non facili da accettare

La cura di asma e Bpco non costituisce un processo automatico, al contrario: si tratta di un percorso intenso e complesso, in particolare se a essere colpiti sono bambini o comunque persone in giovane età. Spesso non c’è accettazione della malattia e le cure farmacologiche non vengono seguite con costanza e scrupolo. Secondo i dati ufficiali, ben il 30% delle persone in trattamento per queste due malattie non aderisce alla terapia prescritta, specie nei periodi in cui i sintomi si attenuano. Ecco perché è fondamentale promuovere l’uso di strumenti di supporto.

Uno strumento di aiuto

 L’app Io respiro è stata appositamente studiata per facilitare la vita delle persone con asma o Bpco, in particolare in tre aspetti. Innanzitutto, aiuta a monitorare l’intensità dei sintomi e l’impatto che essi hanno sulla vita quotidiana. Inoltre, consente di seguire correttamente la terapia. Infine, permette di comunicare dati importanti al medico. Si tratta, dunque, di uno strumento che contribuisce a una gestione completa e ottimale della malattia. “La app è stata sviluppata per misurare il grado di intensità del disturbo, chiedendo al paziente una valutazione dei propri sintomi, e per facilitare la sua partecipazione attiva alle raccomandazioni sul programma terapeutico. Questo strumento è molto utile anche per i medici, in quanto fornisce indicazioni importanti rispetto al comportamento del paziente in termini di aderenza alla terapia prescritta” conferma Carlo Lombardi, responsabile Unità di allergologia e pneumologia, ospedale Poliambulanza di Brescia.

La campagna di sensibilizzazione

Insieme alle giornate di screening, ai consulti medici gratuiti e alla diffusione suo social di consigli per respirare meglio, l’App Io respiro è uno degli strumenti della campagna educazionale “APPlichiamoci per respirare meglio”, promossa da FederASMA e ALLERGIE Onlus, SIP (Società Italiana di Pneumologia), SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), e realizzata con il contributo incondizionato di Chiesi Italia. Lo scopo è sensibilizzare la popolazione sui corretti stili di vita per la prevenzione delle malattie respiratorie croniche, in particolare asma e Bpco, incoraggiare la diagnosi precoce e promuovere l’aderenza alla terapia.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Asma e Bpco possono essere prevenute e trattate in maniera efficace, evitando i fattori di rischio (fumo in primis) e seguendo scrupolosamente le indicazioni del medico.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti