Contro il mal di schiena al lavoro in bicicletta

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 16/10/2018 Aggiornato il 16/10/2018

Camminare, muoversi e soprattutto andare in bicicletta diminuisce il rischio di soffrire di mal di schiena. Obesità e fumo, invece, lo fanno venire

Contro il mal di schiena al lavoro in bicicletta

È un disturbo super partes: il mal di schiena colpisce indistintamente uomini e donne, può comparire a qualsiasi età, perfino nei bambini, e non risparmia le donne in gravidanza e gli sportivi. In tutti i casi, è importante non far finta di nulla. Dopotutto, esistono tante soluzioni molto efficaci per prevenire il problema. Fra queste, perlomeno per quanto riguarda il dolore nella parte lombare, anche l’andare al lavoro a piedi o in bicicletta. La conferma arriva da uno studio condotto da un’équipe di ricercatori finlandesi dell’Istituto per la salute sul lavoro, pubblicato sulla rivista medica Arthritis Care & Research.

Uno studio “doppio”

Lo studio è stato condotto nel 2011 su 3.505 persone che avevano già preso parte a un’altra ricerca undici anni prima, che aveva coinvolto complessivamente 7.977 adulti di età pari o superiore a 30 anni e che aveva raccolto un numero considerevole di informazioni relative non solo alle condizioni di salute, ma anche allo stile di vita e al lavoro dei partecipanti, attraverso esami clinici, interviste e questionari. In pratica, gli autori finlandesi hanno chiesto ai volontari di sottoporsi a una serie di indagini e di rispondere a domande per verificare il loro stato psicofisico e inquadrare le loro abitudini, e poi hanno messo a confronto i dati emersi con quelli dalla vecchia ricerca. Lo scopo era capire come fossero evolute le loro condizioni nel tempo e quali problematiche fossero comparse. In particolare, si è cercato di vedere quanti individui avessero sviluppato mal di schiena in zona lombare e se e come lo stile di vita avesse avuto un ruolo in questo senso.

Lo stile di vita è fondamentale

Dal confronto, gli autori hanno scoperto che il sesso più vulnerabile al mal di schiena lombare è quello femminile. Infatti, nei 12 mesi precedenti alla nuova ricerca sono state soprattutto le donne ad aver avuto episodi importanti di lombalgia per più di 30 giorni. Non solo. Si è visto che fra i fattori di rischio che aumentavano il rischio di soffrirne c’era l’obesità addominale, il fumo di sigaretta e il lavoro fisico faticoso. Al contrario camminare e andare al lavoro in bicicletta sono risultati fattori protettivi: infatti, nella casistica considerata si sono associati a una minore probabilità di essere colpiti dal mal di schiena.

 

 

Da sapere!

Lo sport è un grande alleato contro il mal di schiena, ma solo se viene praticato in modo corretto e senza strafare.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti