Contro il melanoma l’importanza della prevenzione

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 18/06/2019 Aggiornato il 18/06/2019

Il melanoma oggi fa meno paura ma la prevenzione è d’obbligo. Fondamentale proteggersi fin da piccoli dai raggi del sole

Contro il melanoma l’importanza della prevenzione

Rimane il tumore della pelle più aggressivo, anche se meno diffuso rispetto a basaliomi e carcinomi squamocellulari. Il melanoma, che ogni anno colpisce 14mila italiani, non dà particolari preoccupazioni se riconosciuto in tempo. Ma se, invece, la diagnosi avviene in fase avanzata, nonostante le speranze alimentate dall’immunoterapia, la prognosi è spesso ancora infausta. Ecco perché occorre essere preparati per riconoscere possibili campanelli d’allarme.

Riconoscere i nei pericolosi

Innanzitutto è fondamentale conoscere i propri nei, non ignorare la regola dell’ “Abcde” (asimmetria anomala, bordi frastagliati anziché netti, colore variegato e non uniforme, dimensione superiore ai sei millimetri, evoluzione rapida): appena si nota un cambiamento serve un appuntamento dal dermatologo. Per una corretta prevenzione è fondamentale prendere sempre in considerazione sintomi come il sanguinamento, il prurito o la secchezza di un neo preesistente, la comparsa di una macchiolina circondata da un nodulo o da un’area arrossata.

Proteggersi dal sole

Attenzione poi al sole se si vuole ridurre le probabilità di ammalarsi di melanoma. No alle lampade abbronzanti e all’esposizione al sole senza lo schermo di un solare va riapplicato con costanza ogni due ore. Senza dimenticare comunque che esistono condizioni che possono predisporre al melanoma, come la familiarità o l’essere affetto da una malattia nota come xeroderma pigmentoso. Alla tutela pratica, va unita la prevenzione clinica con visite dal dermatologo a cadenza periodica regolare, almeno una volta all’anno, ancora meglio se prima o dopo l’estate, i due momenti più critici per l’insorgenza del melanoma. Fare prevenzione, evitare i rischi oppure scoprire la malattia in fase molto iniziale significa rendere il melanoma più curabile. Anche rivolgersi a centri di eccellenza che dispongono al proprio interno di unità dedicate al melanoma può fare la differenza. Tutto ciò che serve per diagnosticare e curare un eventuale melanoma, a partire dalla mappatura dei nei fino alle eventuali necessità diagnostiche e terapeutiche, da decidere in funzione dello stadio iniziale o avanzato di malattia.

 

Da sapere!

Oggi sempre più persone con melanoma metastatico sono vive ad anni di distanza dalla diagnosi grazie all’immunoterapia e alle terapie a bersaglio molecolare che hanno ridotto l’utilizzo della chemioterapia nella malattia avanzata. Terapie spesso successive alla chirurgia che, in caso di melanoma allo stadio iniziale, aumentano le probabilità di risolvere definitivamente la malattia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti