Contro l’insonnia prova un bagno caldo

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 12/09/2019 Aggiornato il 12/09/2019

Fare un bagno caldo prima di andare a dormire può aiutare a vincere l’insonnia senza gli effetti collaterali dei farmaci

Contro l’insonnia prova un bagno caldo

C’è chi non riesce ad addormentarsi e chi invece si sveglia nel cuore della notte. Sono tante in ogni caso le persone che soffrono di insonnia disposte a qualunque rimedio pur di dormire tutta la notte. L’ultimo suggerimento arriva da uno studio dell’Università del Texas, ad Austin, pubblicato sulla rivista Sleep Medicine Rewies: un potente aiuto per conciliare il sonno può venire da un lungo bagno caldo fatto circa mezz’ora prima di andare a letto, misurando la temperatura dell’acqua che non deve essere inferiore ai 40° C. Secondo i ricercatori il bagno caldo avrebbe non solo il potere di rilassare il corpo, ma anche di agire sulla regolazione della temperatura migliorando il ciclo sonno-veglia.

Analizzati oltre 5.000 studi

I ricercatori dell’ateneo americano hanno lavorato combinando tra loro ben 5.322 studi sull’argomento, servendosi di protocolli di revisione sistematica, un metodo utilizzato per cercare e analizzare dati rilevanti, grazie ai quali hanno potuto associare il riscaldamento passivo del corpo mediante l’acqua di un bagno caldo a una migliore qualità del sonno.

I parametri esaminati

In collaborazione con l’Health Science Center di Houston e la University of Southern California, i ricercatori americani hanno estratto dalle pubblicazioni le informazioni legate ad alcuni parametri come la latenza dell’inizio del sonno, cioè il tempo necessario per compiere il passaggio dalla piena veglia al sonno effettivo, il tempo di sonno totale e l’efficienza del sonno, ovvero la quantità di tempo trascorso da addormentati rispetto alla quantità totale di tempo trascorso a letto. In ultimo è stato considerato come parametro la qualità soggettiva del sonno: tutti questi strumenti valutati nel loro insieme hanno permesso di stabilire che una temperatura ottimale di 40° C ha migliorato la qualità generale del sonno, contrastando l’insonnia. In pratica, se programmato 1-2 ore prima di andare a dormire, il bagno caldo riesce ad accelerare il tempo in cui si prende sonno anche di 10 minuti.

Temperatura e sonno correlati

Altri studi avevano del resto già stabilito una correlazione diretta tra riscaldamento del corpo e miglioramento del sonno. Era già emerso, per esempio, che sia il sonno sia la temperatura interna del corpo sono regolati da un orologio circadiano situato all’interno dell’ipotalamo del cervello e capace di guidare molti processi biologici. Questa temperatura è più alta nel tardo pomeriggio, si riduce prima del normale orario del sonno, scende al livello più basso nella notte e inizia a risalire, agendo come una specie di sveglia biologica, poco prima del risveglio abituale.

 

 

 

Da sapere!

L’immersione in acqua calda, se effettuata dall’ora alla mezz’ora prima di coricarsi, aiuta il naturale processo circadiano e aumenta le possibilità di addormentarsi più rapidamente e di avere un sonno migliore.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti