Coronavirus: in aumento i casi di bruxismo. Ecco perché

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 05/03/2021 Aggiornato il 05/03/2021

Con il timore del coronavirus sono in aumento i casi di bruxismo, ovvero l’atto di digrignare i denti di notte mentre si dorme. Tra le cause, ansia e stress

Coronavirus: in aumento i casi di bruxismo. Ecco perché

Il malessere che accompagna questa crisi sanitaria da coronavirus ha provocato un significativo incremento dei disturbi del sonno e anche del bruxismo, ossia l’atto involontario di stringere e digrignare i denti mentre si dorme, un disturbo molto diffuso: in Italia ne soffriono oltre 15 milioni di persone, bambini compresi. 

Stress e ansia sono le prime cause

Giuseppe Cicero, parodontologo e docente di Odontoiatria all’Università Europea di Madrid, spiega che il bruxismo, che può manifestarsi anche in giovanissima età, può essere più o meno lieve e dipende dalla contrazione involontaria dei muscoli della masticazione. Si può ricollegare a stress o uno stato di ansia momentaneo, ma anche a una malocclusione, cioè un posizionamento anomalo delle arcate dentali. È importante riconoscerne subito i sintomi, che possono essere svegliarsi al mattino con una forte sensazione di fastidio in bocca, le mascelle indolenzite, i denti che fanno male.  

Le conseguenze possono essere gravi

In condizioni normali i denti si dovrebbero toccare solo quando si mastica o occasionalmente quando si deglutisce, ma nei casi più gravi di bruxismo, i denti vengono in contatto anche fino a 8-10 ore al giorno, provocandone il deterioramento. Inoltre un bruxismo grave può danneggiare le articolazioni temporo-mandibolari e sovraccaricare i muscoli portando a mal di testa, dolore alle orecchie, vertigini, difficoltà di deglutizione e ad aprire del tutto la bocca, denti più sensibili al caldo e al freddo, perfino dolore alla colonna cervicale. L’obiettivo delle terapie è quello di evitare che il sovraccarico funzionale delle strutture che permettono i movimenti mandibolari crei danni irreversibili.

Yoga per la bocca

Non ci sono farmaci da prendere; un rimedio classico è il bite: un mascherina paradenti da indossare durante la notte fra le due arcate dentali per evitare lo sfregamento. Dal momento, però, che esiste una stretta relazione con un aumento dell’ansia e dello stress, possono essere utili tecniche di rilassamento, e uno speciale yoga per la bocca. Gli esercizi che possono attenuare i sovraccarichi della dentatura hanno lo scopo di inibire l’automatismo che induce al digrignamento. Occorre rilassare la muscolatura, posizionare la lingua sul palato e mantenere le labbra socchiuse e i denti separati per una distanza di un centimetro ed eseguire piccoli movimenti di apertura/chiusura per 20 volte. Si può anche tenere tra i denti una guarnizione di silicone, che bisogna cercare di non mordere, molto utile in quanto, se stiamo stringendo i denti, ci ricorda di non farlo.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Negli ultimi 5 mesi del 2020, la parola bruxismo ha avuto, rispetto al 2019, un incremento nelle ricerche online del 62% in Calabria, del 48% nelle Marche, del 34% in Sicilia e Sardegna. Nello stesso periodo l’espressione digrignare i denti è aumentata del 68% nel Lazio e del 60% in Sicilia. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti