Covid-19, svelata l’azione del virus sul cervello

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 24/01/2022 Aggiornato il 24/01/2022

Il Covid-19 può agire sul cervello e condizionarne l’ottimale funzionamento. Anche una volta guariti, si possono manifestare perdita di memoria, stanchezza e difficoltà a concentrarsi

Covid-19, svelata l’azione del virus sul cervello

Ben più del 10% dei guariti dal Covid-19 si trova a convivere con problemi di concentrazione, stanchezza e memoria. Il dato e gli effetti del Long Covid sul cervello sono ancora tutti da approfondire, ma sembra proprio che il virus riesca a provocare problemi anche una volta negativizzatisi.

L’azione del Covid-19 sul cervello

A rivelarlo sono alcuni studi pubblicati sulla rivista Nature, che svelano la scoperta di alcuni processi che il Covid-19 metterebbe in atto andando a influenzare le cellule cerebrali adibite al regolare funzionamento dei neuroni. Per ora, i risultati ottenuti fanno riferimento a indizi preliminari ottenuti prevalentemente da analisi in vitro, ma forniscono indicazioni importanti per capire come la malattia potrebbe agire nel cervello.

Problemi a lungo termine

E, se anche il Covid-19 non riuscisse a giungere direttamente nel cervello, le prove raccolte finora evidenziano un’azione indiretta capace, comunque, di causare problemi a lungo termine e cronici. Come riferito dal vicedirettore scientifico della Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma e ricercatore in Neuroimmunologia, Luca Battistini, tra le tante possibili cause di disturbi e infiammazioni a livello cerebrale, una delle più plausibili ed evidenti sembra riferibile all’eccessiva sollecitazione del sistema immunitario.

Pazienti da non dimenticare

Ci sono, però, ancora molti aspetti da approfondire e indagare per comprendere al meglio i possibili effetti del Covid-19 a livello cerebrale e neurologico. Il problema è che queste complicazioni, che possono altresì risultare letali, si presentano anche dopo la guarigione in piena fase di Long Covid, rischiano di passare sottotraccia e di non essere gestite al meglio. Ecco perché i ricercatori del Santa Lucia si sono attivati per indagare al meglio il problema e tenere alta l’asticella dell’attenzione.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Come evidenziato da ulteriori studi, il Covid-19 può comunque penetrare direttamente nel cervello e causare problemi alle cellule nervose.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti