Crema solare: attenzione alla scelta

Alberta Mascherpa
A cura di Alberta Mascherpa
Pubblicato il 20/06/2019 Aggiornato il 20/06/2019

Iniziate le ricerche per verificare se la crema solare, penetrando attraverso la pelle, possa arrecare danni a tutto il corpo. Nel frattempo ecco quali preferire per non correre rischi

Crema solare: attenzione alla scelta

La crema solare rappresenta la protezione indispensabile per affrontare il sole senza rischi. Dermatologi e medici raccomandano ormai da anni il suo utilizzo al mare, in montagna, al lago ma anche in città. Serve però attenzione alla qualità del prodotto perché i filtri utilizzati come schermo contro i raggi in una crema solare potrebbero penetrare ed essere pericolosi per l’organismo. Al momento non ci sono evidenze certe ma la Food und Drug Administration, l’ente americano che controlla farmaci, integratori e cosmetici, ha iniziato ricerche per verificare se l’utilizzo di filtri possa essere dannoso.

Arrivano al sangue

Il primo test è stato effettuato su dodici uomini e dodici donne che hanno utilizzato protezioni diverse, chi una crema solare, chi uno spray oppure una lozione; il prodotto è stato applicato su almeno il 75% della pelle, più o meno la stessa percentuale di corpo che viene esposta ogni estate al sole; dopo qualche ora dall’applicazione, i ricercatori hanno fatto un prelievo di sangue e hanno verificato che i filtri solari chimici dopo essere entrati in contatto con la pelle sono migrati nel sangue.

Conseguenze da approfondire

Quello che però ancora non si sa è se possano o meno fare male. Per dimostrare che sono sicuri ed efficaci, la Fda sta ora chiedendo ai produttori di creme solari statunitensi di presentare ulteriori dati che misurano come questi ingredienti vengono assorbiti dal flusso sanguigno.

Le precauzioni suggerite

In ogni caso per scongiurare qualsiasi pericolo è opportuno evitare l’acquisto di solari che contengono nano-filtri che, essendo molto piccoli, penetrano più facilmente. Altra soluzione è quella di usare una crema solare con filtri fisici di origine minerale che per loro stessa natura restano in superficie, riflettendo i raggi in modo che la pelle non si scotti. Con questa tipologia di solari, peraltro la più indicata per la protezione delle pelli delicate dei bambini, non ci sono rischi di penetrazione del prodotto. Qualsiasi sia la crema solare che si sceglie comunque importante non massaggiare mai a lungo il prodotto perché resti il più possibile in superficie.

 

 

Da sapere!

Proteggersi dal sole evita rischi gravi per l’organismo e l’utilizzo dei filtri rimane l’arma più efficace per prevenire scottature e impedire alle radiazioni di penetrare alterando il Dna cellulare.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti