Crema solare: attenzione alla scelta

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 20/06/2019 Aggiornato il 20/06/2019

Iniziate le ricerche per verificare se la crema solare, penetrando attraverso la pelle, possa arrecare danni a tutto il corpo. Nel frattempo ecco quali preferire per non correre rischi

Crema solare: attenzione alla scelta

La crema solare rappresenta la protezione indispensabile per affrontare il sole senza rischi. Dermatologi e medici raccomandano ormai da anni il suo utilizzo al mare, in montagna, al lago ma anche in città. Serve però attenzione alla qualità del prodotto perché i filtri utilizzati come schermo contro i raggi in una crema solare potrebbero penetrare ed essere pericolosi per l’organismo. Al momento non ci sono evidenze certe ma la Food und Drug Administration, l’ente americano che controlla farmaci, integratori e cosmetici, ha iniziato ricerche per verificare se l’utilizzo di filtri possa essere dannoso.

Arrivano al sangue

Il primo test è stato effettuato su dodici uomini e dodici donne che hanno utilizzato protezioni diverse, chi una crema solare, chi uno spray oppure una lozione; il prodotto è stato applicato su almeno il 75% della pelle, più o meno la stessa percentuale di corpo che viene esposta ogni estate al sole; dopo qualche ora dall’applicazione, i ricercatori hanno fatto un prelievo di sangue e hanno verificato che i filtri solari chimici dopo essere entrati in contatto con la pelle sono migrati nel sangue.

Conseguenze da approfondire

Quello che però ancora non si sa è se possano o meno fare male. Per dimostrare che sono sicuri ed efficaci, la Fda sta ora chiedendo ai produttori di creme solari statunitensi di presentare ulteriori dati che misurano come questi ingredienti vengono assorbiti dal flusso sanguigno.

Le precauzioni suggerite

In ogni caso per scongiurare qualsiasi pericolo è opportuno evitare l’acquisto di solari che contengono nano-filtri che, essendo molto piccoli, penetrano più facilmente. Altra soluzione è quella di usare una crema solare con filtri fisici di origine minerale che per loro stessa natura restano in superficie, riflettendo i raggi in modo che la pelle non si scotti. Con questa tipologia di solari, peraltro la più indicata per la protezione delle pelli delicate dei bambini, non ci sono rischi di penetrazione del prodotto. Qualsiasi sia la crema solare che si sceglie comunque importante non massaggiare mai a lungo il prodotto perché resti il più possibile in superficie.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Proteggersi dal sole evita rischi gravi per l’organismo e l’utilizzo dei filtri rimane l’arma più efficace per prevenire scottature e impedire alle radiazioni di penetrare alterando il Dna cellulare.

 

Fonti / Bibliografia

  • U.S. Food and Drug AdministrationThe FDA is responsible for protecting the public health by ensuring the safety, efficacy, and security of human and veterinary drugs, biological products, and medical devices; and by ensuring the safety of our nation's food supply, cosmetics, and products that products that emit radiation.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti