Cuore in forma anche quando fa freddo: ecco come

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 07/02/2020 Aggiornato il 07/02/2020

L’inverno sta per finire ma fa ancora freddo e occorre adottare sane abitudini di vita per avere un cuore in forma

Cuore in forma anche quando fa freddo: ecco come

Per avere un cuore in forma bisogna fare le giuste scelte di vita come una regolare attività fisica e una dieta equilibrata e leggera. Purtroppo, però, spesso in inverno è facile adottare abitudini non proprio salutari: come stare un po’ troppo sul divano davanti alla tv e mangiare di più, spesso cibi ricchi di grassi e di zuccheri. Ma così facendo ci espone a un maggior rischio di malattie cardiovascolari e diventa più difficile avere un cuore in forma.

Un cuore sano inizia a tavola

Ecco dunque i consigli del professor Claudio Ferri, past president della Società italiana dell’ipertensione arteriosa (Siia), per superare con il cuore in forma la stagione fredda. La prevenzione inizia sempre dall’alimentazione che anche in inverno deve essere il più possibile equilibrata e sana. I cibi da privilegiare sono la verdura e la frutta, anche quella secca in particolare noci e mandorle, il pesce, i cereali integrali, mentre sono da limitare il sale e i cibi che ne contengono in grande quantità (come i formaggi), la carne rossa e gli zuccheri. Attenzione anche ai grassi: non solo se ne devono consumare pochi, ma bisogna scegliere quelli più sani come l’olio extravergine di oliva, ricco di acidi grassi polinsaturi, benefici per la salute del cuore. 

Sì allo sport

L’attività fisica rimane fondamentale per avere un cuore in forma. Tre quarti d’ora di camminata veloce al giorno aiutano a stimolare e mantenere attivo il sistema cardiovascolare. Raggiungere il lavoro a piedi e rinunciare all’ascensore a favore delle scale fa parte del piano di fitness. Attenzione però a non raffreddarsi: soprattutto mani, piedi e viso hanno bisogno di essere tenuti al caldo da tutti e a maggior ragione da chi soffre di disturbi cardiocircolatori.  E se si ha in previsione una vacanza in montagna sulla neve, meglio partire dopo aver fatto un controllo dal medico e non dimenticare a casa l’apparecchio per misurare la pressione e i farmaci che si assumono abitualmente.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Per un cuore in forma occorre ridurre il più possibile lo stress anche dedicandosi ad attività rilassanti come leggere, scrivere, ascoltare musica, secondo le preferenze personali.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti