Curare i denti costa troppo: molti rinunciano

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/08/2017 Aggiornato il 24/08/2017

Gli italiani rinunciano a curare i denti per mancanza di tempo, per paura del dentista ma soprattutto perché costa troppo

Curare i denti costa troppo: molti rinunciano

Una ricerca condotta da Key Stone per conto dell’Associazione nazionale centri odontoiatrici (Ancod) ha rivelato che nel 2016 il 36% degli italiani ha rinunciato curare i denti, nonostante il bisogno, perché costa troppo. Altri motivi sono stati la mancanza di tempo e la paura del dentista.

Meglio le cliniche del sorriso

Nel 25% dei casi per curare i denti gli italiani si affidano alle cliniche o alle catene se si tratta di prestazioni costose come ortodonzia, protesica e implantologia, solo il 17% rimane fedele al dentista. Lo stesso vale per le cure contro le carie o altri dolori ai denti (25% contro il 19%) mentre per le visite di controllo il 23% sceglie il dentista tradizionale e il 14% le cliniche o le catene dentali.

Si punta al risparmio

La scelta delle cliniche per curare i denti dipende da diversi fattori, prezzo in primis: il 45% degli intervistati ammette, infatti, di essere attratto dal risparmio economico, il 31% perché si sente più assistito. Chi sceglie il dentista tradizionale invece lo fa perché è il suo dentista di fiducia, nel 27% dei casi, o perché gli è stato raccomandato, nel 30% dei casi.

Attenzione ai trattamenti low cost

Ancod è pronta a impegnarsi per promuovere servizi odontoiatrici di alta qualità, adottando una comunicazione corretta e veritiera, e per contrastare i centri low cost che messaggi ambigui o cure dentali improprie non risolvono i problemi ai denti.

 

 

 
 
 

In breve

CLINICHE DEL SORRISO BATTONO DENTISTA

Per gli italiani le cliniche del sorriso sono sinonimo di modernità, puntualità e convenienza, mentre il dentista privato tradizionale rappresenta qualità nelle prestazioni e gestione nei rapporti personali, ma costa troppo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti