Curarsi con le erbe? Attenzione anche alle più innocue

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 23/03/2018 Aggiornato il 07/08/2018

Le medicine naturali possono interferire con i farmaci, rilasciare sostanze tossiche e creare problemi di salute. Prima di curarsi con le erbe, dunque è necessario consultarsi con il medico

Curarsi con le erbe? Attenzione anche alle più innocue

Molti pensano che curarsi con le erbe sia semplice e privo di controindicazioni. E che, proprio perché naturali, questi prodotti si possano assumere come e quando si vuole. In realtà, non sempre naturale è sinonimo di sicurezza. Puntare sulle cure alternative è una scelta che va fatta con attenzione. Perché ci sono erbe che contengono sostanze tossiche. Infatti, molti principi attivi contenuti nei prodotti naturali sono uguali a quelli presenti nei farmaci veri e propri. Ma, mentre i principi attivi contenuti nei farmaci sono dosati e controllabili, la situazione cambia nel caso dei preparati naturali, per i quali  è molto più complesso stabilire la quantità di erbe contenuta.

Rischi di sovradosaggio o efficacia ridotta

Le persone che preferiscono curarsi con le erbe per attenuare certi sintomi o perché sperano di potenziare l’effetto dei farmaci convenzionali, devono sapere che in  alcuni casi questo genere di prodotti può sia diminuire gli effetti terapeutici dei farmaci stessi sia aumentarli, in entrambi i casi con possibili danni per la salute.

Serve cautela

Prudenza e moderazione, dunque, devono essere le parole d’ordine quando si decide di curarsi con le erbe. Un invito alla prudenza che arriva anche da uno studio pubblicato sulla rivista medica The British Journal of Clinical Pharmacology,  condotto da  un gruppo di farmacisti clinici dell’Università di  Stellenbosch, in Sud Africa, su oltre 5.000 rapporti e ricerche per approfondire l’interazione fra farmaci erboristici e medicinali industriali.

Pericoli anche seri

Chi per esempio assume un comune anticoagulante, come la warfarina, per le malattie cardiocircolatorie, e nello stesso tempo utilizza prodotti a base di  iperico, ginseng, succo di goji, salvia, semi di lino, cranberry e camomilla, corre il rischio di modificare l’azione del farmaco, andando incontro a emorragie. Queste piante, infatti, contengono dei composti attivi che possono interferire con un enzima che rende attiva ed efficace il farmaco anticoagulante (warfarina).

 

 
 
 

In breve

CHI RISCHIA DI PIU’

Le persone che corrono i pericoli maggiori a causa dell’interazione tra medicine naturali e farmaci tradizionali sono coloro che soffrono  di malattie cardiocircolatorie, tumori, depressione e devono prendere i farmaci in modo continuativo per molto tempo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti