Denti fragili: le donne sono più a rischio

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 10/12/2020 Aggiornato il 10/12/2020

I denti fragili, a rischio carie, caduta e parodontite, riguardano soprattutto le donne. Colpa degli ormoni, che modificano la composizione protettiva della saliva e della dieta

Denti fragili: le donne sono più a rischio

I denti fragili nelle donne è un problema molto diffuso. Un bel sorriso in una donna dipende da molti fattori. Perché i suoi denti sono a rischio, molto più di quelli degli uomini, nonostante le donne prestino maggiore attenzione all’igiene orale. Lo rivela Marco Chiellini, fondatore dell’unico studio dentistico italiano dedicato esclusivamente al sorriso femminile: “Le donne hanno un deterioramento dentale molto più rapido rispetto agli uomini a causa di diversi fattori. In primis, le fluttuazioni ormonali. Gli ormoni che influenzano la saliva, infatti, variano a causa della pubertà, del ciclo mestruale, della gravidanza e della menopausa. E proprio questa “altalena ormonale” causa un mutamento della composizione protettiva della saliva, che diventa meno efficace, causando problemi alla cavità orale”.

Attenzione in gravidanza

Un periodo a rischio per denti fragili è la gravidanza. “Il cambiamento ormonale può causare gengive più dolenti, gonfie e sanguinanti, soprattutto quando ci si lava i denti. La gengivite, in queste condizioni, può determinare anche la fase iniziale di una malattia paradontale più grave, a sua volta nota per la correlazione di nascite con bambini dal peso molto basso. Per evitare questo problema, però, basta lavarsi i denti e di passare il filo interdentale regolarmente” continua il dottor Marco Chiellini.

Rischio erosione dello smalto

Altro problema legato alla gravidanza e ai denti fragili è quello dell’erosione dentale, la perdita dello strato esterno duro dei denti, frequente quando si è ripetutamente esposti a una salivazione più acida a causa della nausea, manifestazione tipica della dolce attesa. “L’acido può erodere lo smalto dei denti e causarne la perdita – spiega Chiellini- In questo caso, lavarsi i denti dopo aver rimesso è un obbligo, assicurandosi di aver sciacquato bene la bocca con dell’acqua per eliminare ogni traccia di acido al suo interno”.

Sciacquarsi i denti con il bicarbonato di sodio

Se poi il vomito è molto frequente e persistente “è consigliabile sciacquare la bocca con un cucchiaino di bicarbonato di sodio sciolto in una tazza d’acqua, non spazzolarsi subito i denti ma attendere almeno un’ora. Il risciacquo impedirà all’acido di attaccare i denti e il tempo di attesa permetterà allo smalto di remineralizzarsi”.

Pochi zuccheri

E se durate la gravidanza aumenta anche l’appetito, che può portare a modifiche nello stile alimentare, mangiando più spesso durante il giorno, per evitare l’aumento di batteri nella bocca e quindi la carie è meglio puntare su cibo salutare, che contenga pochi zuccheri, che si trasformerebbero in acido sullo smalto dentale.

 

 

 
 
 

Forse non tutti sanno che…

Anche in tarda età le donne che soffrono di osteoporosi hanno una minor quantità di saliva e questo apre la strada ai batteri che tendono ad aumentare e ad attaccarsi ai denti. “La saliva è importantissima per la protezione del cavo orale e le donne in post menopausa mostrano valori di pH inferiori statisticamente significativi, il che provoca un aumento di denti cariati, persi o otturati” conclude Chiellini.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti