Depressione: con il Covid-19 la crescita è esponenziale

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 26/11/2020 Aggiornato il 26/11/2020

I sintomi legati alla depressione sono quintuplicati a causa del Covid-19. A rischio c’è la salute del 32% degli italiani e le stime parlano di 150mila nuovi casi nei prossimi mesi

Depressione: con il Covid-19 la crescita è esponenziale

La straordinaria e critica condizione in cui il Covid-19 ha costretto molti di noi a vivere (per non dire sopravvivere) sta mettendo a dura prova la salute mentale di una buona parte della popolazione. In particolare, la situazione si fa critica quando si parla di depressione, psicosi e dipendenze, che la pandemia non ha fatto altro che amplificare.

I casi sono quintuplicati

L’impatto del Covid-19 sui sintomi tipici della depressione preoccupa e non poco gli esperti. Si parla di dati allarmanti, con una crescita esponenziale negli ultimi mesi dei sintomi depressivi. Nel dettaglio, si parla di un incremento di cinque volte per sintomi moderati e di sette volte e mezzo per sintomi gravi. E questi incrementi riguardano tutti. Sono, però, le fasce deboli della popolazione a essere più esposte al pericolo. Infatti, i rischi legati alla depressione sono tre volte maggiori nei disoccupati e nelle persone con reddito inferiore ai 15mila euro.

Sintomi già in un italiano su 3

Come se non bastasse, recenti studi evidenziano come ben il 32% degli italiani inizi a manifestare sintomi depressivi. Così è a rischio la salute di un terzo della popolazione italiana, con 150mila nuovi casi di depressione maggiore attesi per i prossimi mesi. A ciò occorre poi aggiungere i nuovi casi di psicosi che, secondo gli esperti, interesseranno il 4% delle persone con disturbi mentali pregressi e di quella parte di popolazione che ha conosciuto più da vicino il Covid-19. Lo stato iper-infiammatorio provocato dal virus potrebbe, inoltre, produrre conseguenze neuropsichiatriche nel lungo periodo in ben un paziente su tre.

Pericoli maggiori per i contagiati

Come sottolineato dal Presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia (Sinpf) e Direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano, Claudio Mencacci, la pandemia ha incrementato il disagio psichico: crescono i disturbi nei pazienti affetti da patologie mentali e, di pari passo, le richieste di aiuto ai Centri di Salute Mentale. Inoltre, è sempre più evidente come per i contagiati da Covid-19 aumenti il rischio di incorrere in complicazioni neuropsichiatriche dettate direttamente dal virus.

Servono azioni concrete

Queste poco rassicuranti prospettive si incontrano (e scontrano) con l’altrettanto poco rosee realtà dei Centri di Salute Mentale. La situazione è grave e occorrerà prepararsi a fronteggiare una crescita del disagio mentale, che pare ormai scontata. Per fare ciò, è vitale garantire un maggior sostegno economico ai Centri di Salute Mentale. In caso ciò non accadesse, in Italia sarà sempre più difficile garantire assistenza e accesso alle strutture.

 

 

 
 
 

Da sapere!

A incidere sui dati sono anche la ridotta socialità imposta dal lockdown, la paura di venire contagiati e l’aver perso una persona cara a causa del virus. In particolare, si calcola che almeno il 10% di chi ha affrontato un lutto andrà incontro a un episodio depressivo grave.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti