Depressione femminile: bere caffè riduce il rischio?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/06/2015 Aggiornato il 04/06/2015

Le donne che bevono qualche tazzina di caffè al giorno avrebbero minori probabilità di ammalarsi di depressione. Ecco perché

Depressione femminile: bere caffè riduce il rischio?

Se siete donne e avete l’abitudine di gustarvi una buona tazza di caffè dopo i pasti non dovete sentirvi in colpa. Al contrario: non è vero, infatti, che questa bevanda è dannosa per la salute, come pensano in molti. Addirittura, nel sesso femminile aiuterebbe a ridurre il rischio di depressione. La dimostrazione arriva da uno studio osservazionale condotto da un’equipe di medici statunitensi e pubblicato sulla rivista “Archives of Internal Medicine”.

Analizzate 50.000 donne

La ricerca, che è durata quasi 25 anni e si è conclusa nel 2006, ha coinvolto un numero molto ampio di persone. Complessivamente sono state analizzate oltre 50 mila infermiere. Nessuna, all’inizio dello studio, nel 1980, era depressa o presentava sintomi che riconducessero alla depressione. Tutte le partecipanti, durante gli anni dell’indagine, sono state invitate con una cadenza regolare a compilare una serie di questionari relativi al proprio stile alimentare. In particolare, in ogni questionario è stato chiesto loro di dichiarare con che frequenza, nei 12 mesi precedenti, avevano assunto caffè con o senza caffeina, tè, bevande analcoliche con caffeina (zuccherate o a basso contenuto calorico) o senza caffeina, cioccolato. Lo scopo era capire se fra rischio di depressione e consumo di certe sostanze ci fosse una qualche relazione.

Più caffè si beve e meno rischi si corrono

Dall’analisi dei risultati è emerso che il consumo di caffè esercita effetti positivi sul rischio di depressione. Infatti, le donne che avevano l’abitudine di berne quattro tazze al giorno presentavano il 20% di probabilità in meno di sviluppare disturbi depressivi rispetto a quelle che generalmente ne bevevano al massimo una tazza a settimana. Nelle donne che mediamente consumavano due o tre tazzine di caffè al giorno si è registrata una riduzione del rischio del 15%.

In che modo agisce

Ma per quali ragioni il caffè è così benefico nei confronti della depressione? Secondo la Sisa, Società italiana di scienza dell’alimentazione, tutto dipende dagli effetti che questa bevanda esercita a livello cognitivo. Infatti, sembra che il consumo di caffè si associ a un aumento della concentrazione, dell’attenzione e della prontezza di riflessi. Non solo. Il caffè potrebbe agire in modo diretto sul cervello, aiutando a proteggerlo contro le malattie psichiche.

 

 

In breve

COME COMPORTARSI IN CASO DI MALATTIA

Le persone cui sia già stata diagnosticata una depressione possono bere caffè, a patto che il consumo di questa bevanda non interferisca con l’assunzione di farmaci antidepressivi. Per evitare ogni rischio, è meglio chiedere un parere al proprio medico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti