Depressione: in arrivo il test del sangue per diagnosticarla

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/10/2014 Aggiornato il 28/10/2014

Il test del sangue per diagnosticare la depressione rappresenta una speranza in più per chi è predisposto a questa invalidante patologia di corpo e anima

Depressione: in arrivo il test del sangue per diagnosticarla

La depressione in tutte le sue forme, più o meno gravi, è stata per molto tempo una sorta di buco nero sia per chi ne soffriva (e per le loro famiglie) sia per la medicina chiamata a diagnosticarla e ad occuparsene. Oggi, si aprono nuovi spiragli di luce grazie a un test del sangue.

Non dipende solo da dispiacere o traumi

Sarà un sollievo per chi, ammalato di depressione, si sente continuamente dire “reagisci”. In realtà le forme depressive sembrano essere determinate biologicamente. Infatti, chi soffre di questa patologia (perché di malattia vera e propria si tratta) ne è in un certo senso predisposto e ne mostra i segni anche nel corpo. L’innovativo test del sangue per diagnosticare la depressione, si pone come obiettivo proprio l’individuazione di specifiche molecole correlate allo sviluppo di malattie depressive.

Nove molecole chiave

Le molecole “pro-depressione” sono ben nove e l’esame del sangue riuscirebbe a evidenziarle dando così finalmente una spiegazione tutta scientifica a questa malattia fonte di disperazione e anche di vergogna. Il test del sangue per diagnosticare la depressione è stato messo in risalto dalla rivista ‘Translational Psychiatry’ e preannuncia una vera e propria svolta nel mondo della psichiatria mondiale. Lo strumento è stato messo a punto da Eva Redei della Northwestern University Feinberg School of Medicine, isolando proprio un gruppo di molecole caratterizzante, in modo specifico, il sangue dei depressi. Tali molecole sono, invece, assenti nell’emocromo dei non depressi. Di quali molecole stiamo parlando? Si tratta di nove molecole di Rna (traduttore delle informazioni genetiche contenute nel DNA). Per giungere all’individuazione di tali molecole, è stato confrontato il sangue di 32 soggetti depressi e 32 soggetti non affetti da patologia depressiva.

Non solo per individuarla ma anche come cura

La concentrazione di queste nove molecole di Rna nel plasma non serve solo per diagnosticare con certezza la depressione ma anche per verificare che le cure siano efficaci. Infatti, tale molecole tendono a diminuire in concentrazione mentre si seguono cure e terapie. Le molecole, inoltre, si riscontrano anche nel sangue di chi in passato ha sofferto di depressione e, dunque, può essere annoverato tra i “soggetti a rischio”.

Non più questionari o sintomi generici

Prima della messa a punto di questo test diagnostico, la depressione veniva decretata solo attraverso questionari sui sintomi riferiti dai pazienti, come mancanza di appetito, apatia, sbalzi di umore, insonnia… A sottolineare l’importanza assoluta di questo nuovo strumento è proprio lo psichiatra italiano Graziano Pinna della University of Illinois a Chicago, che ribadisce come il prelievo del sangue in questione sia un progresso mai visto nel campo della diagnostica delle malattie definite “mentali” come la depressione, patologia in costante crescita soprattutto nel mondo occidentale.

In breve

DEPRESSIONE POST PARTUM A UNA POSSIBILE SVOLTA

La depressione post parto è una di quelle forme depressive spesso oggetto di pericolosa minimizzazione. Invece, si tratta di una sorta di depressione biologica vera e propria, che colpisce sempre più donne. La manifestazione di questa patologia, ben diversa dai pochi giorni di baby blues tipici del post partum, potrebbe quindi essere pià facilmente inquadrabile grazie a questo tipo di test e quindi curata più precocemente e con maggiore efficacia.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti