Depressione: un braccialetto contro gli sbalzi di umore?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/01/2016 Aggiornato il 22/01/2016

In arrivo un braccialetto anti-depressione: avverte in caso di cambiamenti di umore più rischiosi, fino al disturbo bipolare

Depressione: un braccialetto contro gli sbalzi di umore?

La depressione colpisce sempre più persone, soprattutto le donne. E le mamme, purtroppo, rientrano a pieno titolo in questa categoria a rischio e non soltanto nel delicato momento del post-parto. Per tutti una buona notizia: è in fase di sperimentazione un braccialetto anti-depressione, un innovativo dispositivo che permetterà di monitorare gli sbalzi d’umore tipici degli esordi degli stati depressivi e del disturbo bipolare.

Un’invenzione italiana

Il braccialetto anti-depressione dovrebbe costituire un valido aiuto per diagnosticare e tenere sotto controllo uno tra i disturbi psicologici più invalidanti, ovvero la sindrome bipolare. I creatori di questo speciale braccialetto anti-depressione sono i ricercatori della fondazione italiana BrfOnlus- Istituto per la ricerca scientifica in Psichiatria e Neuroscienze. L’intento è quello di riuscire a identificare i cosiddetti marcatori biologici che sottendono il disturbo bipolare, con i suoi caratteristici e anomali sbalzi di umore.

Come funziona

Spiega il professor Piccinni, psichiatra: “il braccialetto è in grado di monitorare il paziente per 24 ore al giorno, per un periodo di sei mesi. Gli sbalzi d’umore vengono rilevati attraverso la misurazione dei battiti cardiaci, del ritmo sonno-veglia e della frequenza di attività fisica”. Ma c’è di più, il bracciale dialogherà anche interattivamente con la persona a rischio, comunicandole in tempo reale lo sbalzo d’umore, mettendolo così in condizione di applicare una terapia o strategia preventiva.

 

 
 
 

da Sapere!

Nel disturbo bipolare si verifica un’alternanza di fasi depressive e fasi maniacali. Le prime durano in genere più a lungo. Il passaggio dall’una all’altra è spesso lento e subdolo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti