Diabete di tipo 2: con frutta, verdura e crusca si abbassa il rischio

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 29/09/2020 Aggiornato il 29/09/2020

Previeni il diabete di tipo 2 con frutta e verdura. Ne bastano 66 grammi in più ogni giorno. Ancora meglio se porti in tavola anche cereali integrali

Diabete di tipo 2: con frutta, verdura e crusca si abbassa il rischio

Con 66 grammi in più di frutta e verdura al giorno, il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2 si riduce del 25%. E se a tavola portiamo ogni giorno anche alimenti integrali, come pane scuro o cereali integrali, la percentuale di riduzione arriva fino al 29%. A dimostrarlo sono due studi pubblicati recentemente sull’autorevole rivista British Medical Journal.

Effetti della frutta e della verdura sulla salute

Con il primo studio è stata verificata l’associazione tra vitamina C presente nel sangue e carotenoidi (pigmenti contenuti in frutta e verdura colorate) con il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Il campione considerato, che comprendeva 9.754 persone che hanno sviluppato il diabete di tipo 2, è stato messo a confronto con 13.662 individui che non hanno avuto il diabete durante il follow-up tra i 340mila partecipanti alla European Prospective Investigation in Cancer and Nutrition (Epic) – Studio InterAct in otto Paesi europei.

Dall’analisi dei dati, tenuto conto anche dello stile di vita e degli altri fattori di rischio per il diabete, è risultato che 66 grammi di frutta e verdura in più al giorno erano associati a un rischio ridotto del 25% di sviluppare il diabete di tipo 2.

Effetti dei cereali integrali sulla salute

Il secondo studio ha analizzato gli effetti dei cereali integrali sul rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2. È stata valutata l’associazione tra assunzione di alimenti integrali e diabete di tipo 2 su 158.259 donne e 36.525 uomini sani (senza diabete, malattie cardiache e cancro). Al termine dello studio è risultato che chi consumava più cereali integrali, rispetto a quelli che ne consumavano di meno, aveva avuto una riduzione del rischio di diabete di tipo 2 pari al 29%.

La classifica del rischio

Sono stati poi confrontati più alimenti integrali per valutare chi di loro avesse il maggior effetto protettivo nel ridurre il rischio di diabete di tipo 2.  La “classifica” relativa alla riduzione del rischio è stata la seguente:

– 21% con un consumo di una o più porzioni al giorno di pane scuro;
– 19% con un consumo di una o più porzioni al giorno di  cereali integrali;

– 21% con un consumo di due o più porzioni a settimana di farina d’avena;

– 15% con un consumo di due o più porzioni a settimana di crusca;

 -12%. con un consumo di due o più porzioni a settimana di germe di grano e riso integrale.

 

 
 
 

Da sapere!

I risultati dei due studi sono un’ulteriore conferma degli effetti benefici della frutta, verdura e cereali integrali, sulla nostra salute, già resi noti da altre ricerche.  Il merito lo si deve alla presenza di vitamine, sali minerali e fibre alimentari, tutti nutrienti che contribuiscono a ridurre il rischio di insorgenza di molte patologie, tra cui il diabete di tipo 2.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti