Diabete: non uno o due ma ben cinque tipi

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 16/05/2018 Aggiornato il 04/08/2018

La classificazione del diabete sarebbe in realtà più articolata di quella nota finora e si divide in cinque sottocategorie. Ecco come riconoscerle

Diabete: non uno o due ma ben cinque tipi

E se non esistessero solo due tipi di diabete, ma cinque? Lo suggerisce un nuovo studio di un’Università svedese, apparso sulla rivista medica “The Lancet Diabetes and Endocrinology”.

La classificazione corrente

Attualmente la malattia è divisa in due sottotipi:

  1. il diabete di tipo 1, generalmente diagnosticato durante l’infanzia, rappresenta circa il 10% dei casi: l’organismo non produce insulina, l’ormone che aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue;
  2. I diabete di tipo 2: il corpo non produce abbastanza insulina o non riesce a utilizzarla correttamente.

Secondo i ricercatori svedesi, però, questa classificazione è troppo semplicistica. Analizzando i dati di oltre 14mila pazienti diabetici di vari paesi scandinavi e considerando l’età all’esordio dei sintomi, il grado di resistenza all’insulina e l’indice di massa corporea, sono stati elaborati cinque tipi di diabete: tre forme gravi e due più lievi.

Le nuove sottocategorie

Nella prima rientrano i pazienti con l’attuale tipo 1 di diabete. Il secondo tipo è composto da pazienti relativamente giovani, insulino-carenti; il terzo da persone con insulino-resistenza grave, di solito in sovrappeso; il quarto pazienti di mezza età con diabete correlato all’obesità; il quinto è simile al precedente ma è tipico delle persone anziane.  I primi due sono perciò sottocategorie del diabete di tipo 1, gli altri sarebbero forme diverse del diabete di tipo 2, che oggi vengono ascritte indistintamente a questo.

Cure personalizzate

I nuovi risultati sono coerenti con la crescente tendenza verso la “medicina di precisione”, che tiene conto delle differenze tra gli individui nella gestione delle malattie. Secondo i ricercatori suddividere in modo più preciso i pazienti potrebbe modificare le cure, aiutando a renderle “su misura”.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Circa 420 milioni di persone in tutto il mondo oggi soffrono di diabete, un numero che dovrebbe salire a 629 milioni entro il 2045, secondo la International Diabetes Federation.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti