Diabete: solo un malato su cinque controlla i fattori di rischio

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 16/02/2021 Aggiornato il 15/03/2021

Secondo l’Associazione medici diabetologi, otto pazienti su dieci rischiano complicanze da diabete perché non controllano i fattori di rischio come glicemia, pressione e colesterolo

Diabete: solo un malato su cinque controlla i fattori di rischio

Glicemia, pressione arteriosa, colesterolo: sono questi tra i più importanti fattori di rischio da tenere sotto controllo per chi soffre di diabete. Peccato che i virtuosi siano veramente pochi: solo uno su cinque.

 I dati dell’Associazione medici diabetologi

 A controllare i fattori di rischio sono solo il 20% dei diabetici: è quanto ha rilevato l’Associazione medici diabetologi.  Numeri in crescita, a quanto pare, ma la percentuale rimane ancora troppo bassa.
Secondo i  dati emersi dagli Annali Amd 2020, la maggior parte dei diabetici vive la quotidiana difficoltà di tenere sotto controllo i più importanti fattori di rischio ed è più esposta alle peggiori conseguenze del diabete.

“I nostri dati ribadiscono quanto sia arduo portare e mantenere il paziente a un buon controllo, così da prevenire complicanze correlate al diabete. I numeri raccontano un continuo miglioramento della qualità dell’assistenza, ma non possiamo accontentarci e dobbiamo fare di più per proteggere al meglio chi è più esposto al rischio di complicanze”, spiega Paolo Di Bartolo, presidente Associazione medici diabetologi. Valeria Manicardi, coordinatore del Gruppo Annali Amd, ci dà qualche dato positivo: «Il 53 per cento ha l’emoglobina glicata al di sotto dei valori soglia, il 63 per cento ha il colesterolo cattivo nella norma. Non sono soddisfacenti, invece, i dati per il controllo della pressione arteriosa e gli stili di vita”.

Attenzione a dieta e movimento
 

Troppo poche sono le persone con diabete che affrontano la malattia adottando uno stile di vita sano, con dieta equilibrata e attività fisica regolare.  I parametri da tenere sotto controllo per un diabetico sono, in primo luogo l’emoglobina glicata, che controlla le variazioni della glicemia nel tempo; importante, ancora, è analizzare periodicamente i livelli di colesterolo “cattivo” o Ldl. Inoltre, sono da verificare: l’eventuale presenza di albuminuria, che sta a significare che i reni non funzionano bene. Infine, il fumo di sigaretta non dovrebbe far parte della vita di un diabetico.

 

 
 
 

Da sapere!

Una persona affetta da diabete con una buona attenzione alla propria qualità della vita, avrebbe un rischio di poco più elevato, rispetto ad un’altra di pari età, di andare incontro a ictus o infarti. L’eventualità di scompenso cardiaco rimane, invece, ancora più elevata nel diabetico rispetto al non diabetico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Tiroidectomia totale: dopo quanto tempo si può affrontare una gravidanza?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Se il valore dell'ormone tireostimolante (TSH) è nella norma, si può cercare una gravidanza anche poco tempo dopo l'asportazione totale della tiroide.  »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti