Diagnosi precoce: un test del sangue aiuta a individuare 50 tipi di tumori in anticipo

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 30/08/2021 Aggiornato il 30/08/2021

I dati suggeriscono che, se utilizzato insieme ai test di screening esistenti, questo test di rilevamento potrebbe avere un profondo impatto sulla diagnosi precoce di molto tumori

Diagnosi precoce: un test del sangue aiuta a individuare 50 tipi di tumori  in anticipo

Un semplice prelievo di sangue. E in poco tempo si può individuare in anticipo la presenza di un tumore. È quanto emerge dai risultati di uno studio, eseguito su un esame del sangue, che si è rivelato in grado di fare una diagnosi precoce di più di 50 tipi di tumori. Un test sufficientemente accurato al punto da essere implementato come test di screening multi-cancro tra le persone a più alto rischio di malattia, compresi i pazienti di età compresa tra 50 anni o più vecchi, e senza sintomi.

Perché è così importante

Secondo quanto riportato in un articolo pubblicato su Annals of Oncology, il test ha permesso diagnosi precoce di molti tipi di tumori, spesso prima che si manifestassero i sintomi, pur avendo un tasso di falsi positivi molto basso. Il test ha anche previsto dove  si trova il cancro nel corpo con un alto grado di precisione, particolare che potrebbe aiutare i medici a scegliere test diagnostici efficaci.

Come funziona

Il test, che è rapido (sono sufficienti dieci giorni) prevede il prelievo di un campione di sangue da ciascun paziente e l’analisi del Dna, noto come Dna privo di cellule (cfDna), che i tumori (e altre cellule) versano nel sangue. Il sequenziamento genomico viene utilizzato per rilevare i cambiamenti chimici del Dna chiamati “metilazione” che controllano l’espressione genica.
A questo punto uno speciale strumento sviluppato con l’apprendimento automatico (intelligenza artificiale()) utilizza questi risultati per rilevare modelli di metilazione anormali che indicano la possibile presenza di cancro e anche dove si trova.

Già operativo negli Usa

GRAIL, Inc. (California, USA), la società che sviluppa e finanzia la ricerca, ha reso disponibile negli Stati Uniti il ​​test di diagnosi precoce multi-cancro solo su prescrizione medica e per integrare altri metodi di screening esistenti come quelli per il seno, tumori del collo dell’utero, della prostata, del polmone e dell’intestino. 

Molti dei tumori che il test è in grado di rilevare non hanno test di screening disponibili, come i tumori del fegato, del pancreas e dell’esofago, che sono tra i più mortali e dove la diagnosi precoce potrebbe fare davvero la differenza.

Ha un’alta sensibilità

Il terzo e ultimo sottostudio dello studio Circulating Cell-free Genome Atlas (CCGA), che ha esaminato le prestazioni del test in 2.823 persone con diagnosi di cancro e 1.254 persone senza cancro, ha rilevato segnali di cancro da più di 50 diversi tipi di cancro e ha scoperto che in tutti e quattro gli stadi del cancro (I, II, III, IV), il test ha identificato correttamente quando era presente il cancro (la sensibilità o il tasso di vero positivo) nel 51,5% dei casi. La specificità del test (il tasso di veri negativi) era del 99,5%, il che significa che il test ha rilevato erroneamente il cancro (il tasso di falsi positivi) solo nello 0,5% dei casi.

Il parere dell’esperto

Il primo autore dell’articolo, il dottor Eric Klein, presidente del Glickman Urological and Kidney Institute, Cleveland Clinic, Cleveland, USA, ha dichiarato: “Individuare il cancro in anticipo, quando è più probabile che il trattamento abbia successo, è una delle opportunità più significative che abbiamo. Questi dati suggeriscono che, se utilizzato insieme ai test di screening esistenti, il test di rilevamento multi-cancro potrebbe avere un profondo impatto sulla diagnosi precoce dei tumori e, in definitiva, sulla salute pubblica”.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Per tutti i tumori, la rilevazione è migliorata ad ogni stadio del cancro con un tasso di sensibilità del 16,8% allo stadio iniziale I, del 40,4% allo stadio II, del 77% allo stadio III e del 90,1% allo stadio IV, lo stadio più avanzato in cui spesso si manifestano i sintomi.

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti