Dipendenza da cannabis: un gene aumenta il rischio

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 02/08/2019 Aggiornato il 02/08/2019

Uno studio scientifico ha dimostrato che una particolare variante genetica espone alla dipendenza da cannabis

Dipendenza da cannabis: un gene aumenta il rischio

La cannabis causa in alcune persone problemi di dipendenza, mentre altri individui possono farne uso normalmente senza manifestare alcuna reazione psicotica. Come mai? Uno studio ha cercato di scoprire che cosa determina la dipendenza da cannabis.

Lo studio danese

Un team di ricercatori danesi è riuscito a individuare per la prima volta un gene potenzialmente responsabile dell’abuso di marijuana. Secondo gli studiosi, la cui ricerca è stata pubblicata su Nature neuroscience ci sarebbe una variante del gene Chrna2 implicata nell’aumento del rischio di aumentare la dipendenza da cannabis. Il gene non renderebbe un soggetto fumatore di cannabis, ma potrebbe aumentare il rischio di dipendenza per chi già fa uso di marijuana.

Confronto con studiosi americani

I ricercatori hanno confrontato i loro dati con una banca dati di volontari danesi (5mila con dipendenza e 300mila senza). Gli autori dello studio, dopo aver esaminato i dati genetici dei nordeuropei, hanno iniziato a collaborare con scienziati americani per accedere a un database più ampio, al fine di individuare più variabili genetiche e verificare i geni connessi ad alcune popolazioni. Gli studiosi danesi e americani auspicano che l’identificazione dei geni coinvolti nella dipendenza da cannabis possa permettere una comprensione maggiore dei meccanismi biologici alla base del disturbo e, quindi, un trattamento più efficace.

 

 

Da sapere!

Tra gli effetti acuti della dipendenza da cannabis ritroviamo compromissione della memoria e dell’attenzione, distacco dalla realtà, alterazione delle funzioni psicomotorie, disinibizione, sintomi psicotici. Tra gli effetti cronici abbiamo malattie respiratorie, anche gravi.

 

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti