Disturbi intimi: più colpite le donne con tumore

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/06/2017 Aggiornato il 05/06/2017

Bruciori, irritazioni, secchezza, dolori: sono fra i disturbi intimi più comuni nelle donne in menopausa ma che colpiscono anche le pazienti oncologiche. I rimedi che aiutano

Disturbi intimi: più colpite le donne con tumore

Le donne che ricevono una diagnosi di tumore devono affrontare una malattia complessa e un percorso tortuoso, fatto di esami, cure ed effetti collaterali, anche pesanti. Fra questi, ci sono problematiche spesso sottovalutate, ma che possono essere molto invalidanti: i disturbi intimi.

Un problema che riguarda 7 donne su 10

Secondo gli esperti, ben 7 pazienti oncologiche su 10 soffrono di disturbi intimi. Numeri che aumentano in menopausa, quando 1 donna su 2 ha difficoltà di questa natura. Solo una piccola percentuale di loro, però, ne parla con il medico: la maggior parte si vergogna o pensa che si tratti di problematiche quasi normali, cui non vale la pena dare troppo peso. Invece, non è affatto così: questi sintomi possono essere molto fastidiosi e arrivare a compromettere sia la sfera sessuale sia la qualità della vita in generale. I più comuni? Bruciore, irritazione, secchezza e dolori durante i rapporti sessuali. Talvolta, viene coinvolto anche l’apparato urinario, con comparsa di infezioni, cistiti ricorrenti, incontinenza urinaria.

Tutta colpa degli ormoni

Alla base c’è quasi sempre un’atrofia vulvo-vaginale, una condizione cronica che deriva dalla carenza di estrogeni, gli ormoni femminili che svolgono compiti preziosi a livello vulvo-vaginale e generale. Quando diminuiscono, come accade in menopausa, possono comparire delle modificazioni nella struttura e nella funzionalità del tessuto vaginale e vulvare. Purtroppo, anche nelle donne con tumore si assiste spesso a un calo nella produzione di estrogeni e, dunque, a una menopausa precoce. “Se l’incidenza di disturbi vaginali è già molto frequente nelle donne in menopausa, questa percentuale sale ulteriormente nelle donne che hanno avuto un tumore: il 70% riporta disturbi della funzione sessuale” ha confermato Riccardo Masetti, direttore del reparto di Chirurgia senologica del Policlinico Gemelli di Roma.

Esistono le cure

Fortunatamente, non si tratta di una situazione irrecuperabile. Una volta concluse le cure per il tumore, si può ricorrere all’utilizzo di presidi terapeutici di natura non ormonale. Nelle donne in menopausa, invece, si può ricorrere anche a cure ormonali. Bisogna solo trovare il coraggio di parlarne con il medico.

 

 

 
 
 

In breve

 

FANNO “MALE” ANCHE ALL’UOMO

I disturbi intimi femminili possono peggiorare anche la vita di coppia. Non solo perché la donna può avere difficoltà ad avere rapporti, ma anche perché l’uomo può sentirsi rifiutato e sviluppare dunque problematiche come disfunzione erettile ed eiaculazione precoce.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti