Dolore: le donne sono più sensibili a causa di un ormone

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 15/04/2020 Aggiornato il 15/04/2020

La prolattina, un neurormone che promuove l'allattamento nelle donne ne-gli ultimi mesi di gravidanza e dopo il parto, rende il sesso femminile più esposto al dolore

Dolore: le donne sono più sensibili a causa di un ormone

Una recente scoperta potrebbe dare il via a nuovi studi sulle terapie del dolore.  E a beneficiarne potrebbero esserne soprattutto le donne. A rivelarlo è una ricerca condotta da studiosi dell’Università dell’Arizona e pubblicata sulla rivista scientifica Science Translational Medicine.

Perché le donne soffrono di più

In sintesi, sarebbe stato identificato il meccanismo che spiega perché le donne possono essere più vulnerabili degli uomini nei confronti del dolore. La causa sarebbe un neurormone, la prolattina, nota soprattutto perché promuove l’allattamento nelle donne in gravidanza negli ultimi mesi di gestazione e dopo il parto.

I ricercatori spiegano che da sempre è noto che le donne sperimentano più degli uomini alcuni tipi di dolore, noti come “sindromi da dolore funzionale”, e che comprendono patologie come emicrania e fibromialgia (caratterizzata da dolore e rigidità muscolare, spesso associati a cefalea, astenia, disturbi dell’umore e del sonno). Ma i motivi per cui questo avviene non è mai stato chiarito fino in fondo.

Differenze biologiche tra maschi e femmine

Ora, però, una possibile spiegazione c’è e riguarda le differenze nelle cellule e nei nervi che inviano segnali di dolore al cervello nelle donne e negli uomini. Non solo. Nelle donne i picchi di dolore sono intermittenti e associati a eventi scatenanti. Alla luce delle conclusioni dello studio i ricercatori hanno evidenziato che nuove terapie per la gestione del dolore rivolte al sistema della prolattina sarebbero di aiuto per le donne che soffrono di sindromi da dolore funzionale.

Allo studio nuovi farmaci

In particolare, gli agonisti del recettore della dopamina D-2 che limitano il rilascio di prolattina, come la cabergolina, sono comunemente usati per altre malattie e non creano dipendenza. Questi farmaci, in combinazione con altre classi di medicinali, possono aiutare a trattare condizioni di dolore nelle donne in modo più efficace senza gli effetti collaterali di dipendenza degli oppioidi.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Nelle donna particolari condizioni fisiologiche tra cui il sonno, la gravidanza, l’esercizio fisico e lo stress) possono determinare un aumento di produzione di prolattina da parte dell’ipofisi , la principale ghiandola endocrina situata alla base del cervello.

 

Fonti / Bibliografia

  • The prolactin receptor long isoform regulates nociceptor sensitization and opioid-induced hyperalgesia selectively in females | Science Translational MedicineMen and women experience pain differently. However, the mechanisms mediating this difference are unclear. The short isoform of the prolactin (PRL) receptor (PRLR-S), but not the long isoform (PRLR-L), has been shown to regulate the excitability of sensory neurons in female rodents. Here, Chen et al . studied opioid-induced hyperalgesia (OIH) and reported that opioid administration, but not trauma-induced nerve injury, augmented PRL and decreased PRLR-L in female animals, promoting the activation of PRLR-S and the development of OIH. PRL inhibition prevented the occurrence of OIH in female animals. The results suggest that targeting PRL signaling might be an effective therapy for preventing OIH in women.Pain is more prevalent in women for reasons that remain unclear. We have identified a mechanism of injury-free nociceptor sensitization and opioid-induced hyperalgesia (OIH) promoted by prolactin (PRL) in females. PRL signals through mutually inhibitory long (PRLR-L) and short (PRLR-S)...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti