Dolore pelvico cronico per 1 donna su 4

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/12/2016 Aggiornato il 16/12/2016

Il dolore pelvico affligge un’alta percentuale di donne italiane e quando diventa cronico si trasforma in una vera malattia

Dolore pelvico cronico per 1 donna su 4

Il dolore pelvico cronico può essere molto debilitante e influire negativamente su diversi aspetti della vita quotidiana. Secondo un’indagine effettuata da Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna) su un campione di 600 donne, il dolore pelvico influisce fortemente sin dall’inizio su molteplici aspetti della vita quotidiana, come umore (48%) e intimità di coppia (48%).

Troppo tempo prima di rivolgersi al medico

Il dolore pelvico viene paragonato da chi ne soffre alla puntura di tanti spilli o a una coltellata, un martello che picchia o un fuoco che brucia dentro. Nonostante questo le donne aspettano troppo prima di consultare il medico. Trascorrono, infatti, in media 7 mesi tra la comparsa dei sintomi e il primo consulto.

Una diagnosi difficile

Il dolore pelvico cronico è un disturbo diffuso soprattutto tra le donne in età fertile ed è la causa di circa il 10% delle visite ginecologiche ambulatoriali. Nonostante la sua diffusione, è però una patologia spesso sottovalutata e difficile da individuare. La ricerca ha sottolineato come il 46% delle pazienti è stata visitata da due medici prima di ottenere una diagnosi. Al 30% delle donne, invece, il disturbo è stato diagnosticato dopo aver consultato fino a tre o più figure mediche. Il primo medico interpellato, in genere, è il medico di famiglia, anche se il ginecologo resta lo specialista di riferimento per il trattamento di questa malattia. Non sempre si riesce a identificare una causa vera e propria e spesso interagiscono più fattori. La diagnosi, in genere, avviene per esclusione di altri problemi: la pelvi, infatti, accoglie non soltanto gli organi dell’apparato riproduttivo, ma anche urinario, gastroenterico, muscolo-scheletrico e nervoso.

Internet come fonte di informazione

Secondo i dati, in generale Internet rappresenta per le donne la prima fonte di informazione (40% circa). È fondamentale, invece, rivolgersi a strutture specializzate, con figure professionali tra loro complementari in grado di cogliere tutti gli aspetti che la complessità di questa patologia tende a generare per individuare le misure terapeutiche più indicate. Oggi, infatti, il dolore pelvico cronico può essere trattato con un insieme di terapie mediche e comportamentali di alto livello. 

 

 

 
 
 

da sapere!

Il dolore pelvico si definisce cronico quando persiste, con costanza oppure ciclicamente, per oltre sei mesi.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti