Dolori al collo a causa del tablet: è un problema di postura!

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 31/08/2018 Aggiornato il 31/08/2018

Dolori al collo e alle spalle capitano a chi usa molto e con posture sbagliate i tablet e i cellulari e nel 70% dei casi alle donne. Come porvi rimedio

Dolori al collo a causa del tablet: è un problema di postura!

I dolori al collo colpiscono più le donne che gli uomini, giovani più che di una certa età, e non è solo questione di tempo passato davanti allo schermo ma piuttosto di postura. Un problema così sentito che è stata data una definizione specifica al disturbo, detto “collo da IPad” dall’inglese “IPad neck”.

La postura sbagliata

Come ha evidenziato uno studio dell’Università del Nevada pubblicato sul Journal of Physical Therapy Science, il collo da IPad o da smartphone è solitamente associato al sedersi senza supporto per la schiena, ad esempio su una panchina o per terra, o piegarsi sul tablet mentre lo si tiene sulle ginocchia, o ancora usarlo mentre si sta di lato o di schiena.

Tablet touchscreen

I ricercatori hanno condotto un sondaggio su 412 studenti di Università pubbliche, personale e docenti (135 uomini e 275 donne) utenti di tablet touchscreen. I sintomi più riportati sono stati rigidità e dolore al collo, alla parte superiore della schiena, alle braccia, alle mani o alla testa.

Le donne ne soffrono molto di più

La maggior parte (55%) ha riferito un disagio moderato, ma il 10% ha dichiarato che i sintomi erano gravi e il 15% ha evidenziato che avevano comportato una compromissione del sonno. Nonostante ciò, solo il 46% degli intervistati ha dichiarato che smetterebbe di utilizzare il dispositivo in caso di disagio. Per quanto riguarda le differenze di genere, il 70% delle donne ha riferito di aver manifestato sintomi rispetto a poco meno del 30% degli uomini (le donne avevano 2.059 volte più probabilità di sperimentare sintomi muscoloscheletrici durante l’uso, dal punto di vista statistico).

Perchè il fisico femminile è più esposto

Questa notevole differenza tra uomini e donne è stata attribuita dagli studiosi alla minore forza muscolare e alla statura più piccola delle donne, che, durante l’uso del tablet, potrebbe indurle ad assumere posture dannose.

Così lo si previene

I ricercatori, tenuto conto di quanto emerso dall’indagine, consigliano di sedersi sempre dove c’è un poggiaschiena e posizionare il tablet su un supporto piuttosto che su una superficie piatta. Appoggiando gli avambracci alla scrivania, o usando appositi sostegni o vassoi porta computer o un tavolo, si evita di sovraccaricare la zona dei muscoli del trapezio e del collo e quindi di prevenire il dolore.

 

 

Da sapere

LIMITARE IL TEMPO CHE SI STA A TESTA BASSA

Con smartphone e tablet le persone finiscono per rimanere a testa bassa per molte ore. Ma è bene sapere che, ogni volta che si piega la testa in avanti, tutte le vertebre cervicali vengono caricate di un peso fino a sette volte superiore a quello che sopportano in condizioni normali.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Forte raffreddore e un episodio di febbre a inizio gravidanza: ci sono rischi?

12/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Nessuno studio finora si è rivelato conclusivo circa la relazione tra comparsa della febbre e malformazioni nel feto.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti