Dolori mestruali: la colpa è di una proteina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/08/2016 Aggiornato il 24/08/2016

Scoperta la causa dei dolori mestruali che affliggono ogni mese molte donne: alla base dei disturbi ci sarebbe la proteina C-reattiva

Dolori mestruali: la colpa è di una proteina

I dolori mestruali affliggono molte donne, alcune sin dall’adolescenza mentre altre con più insistenza dopo la prima gravidanza. Con la conseguenza che sono numerose le donne che ricorrono mensilmente all’assunzione di farmaci antinfiammatori, non certo benefici per la salute soprattutto di stomaco e intestino. Inoltre, non sono poche le donne che manifestano effetti collaterali anche allergici all’uso dei farmaci antinfiammatori non steroide (Fans) ovvero quelli consigliati dagli stessi medici contro i dolori mestruali.

Il ruolo della proteina C-reattiva

Uno studio recente ha evidenziato come i dolori mestruali possano essere scatenati dalla presenza massiccia nell’organismo di una particolare proteina, chiamata C-reattiva. La presenza in elevate quantità di questa proteina si associa a un’infiammazione acuta, la stessa che causa crampi a livello dell’addome e altri disturbi tipici del periodo mestruale e premestruale. I ricercatori, dell’Università della California di Davis, hanno affermato con certezza la correlazione tra la presenza di proteina C- reattiva  e  mal di pancia, gonfiore, tensione mammaria e sbalzi umorali tipici del periodo.

Come intervenire

Questo tipo di ricerca è stata condotta proprio per arrivare a diverse tipologie di trattamento di questi disturbi, soprattutto dei crampi addominali e dei dolori mestruali in genere, Anche se, a oggi, il solo trattamento efficace resta l’assunzione dei “soliti” farmaci antinfiammatori.  Al contempo, si sta facendo sempre più strada l’importanza dell’adozione di alcuni comportamenti relativi allo stile di vita (dieta, sport, riduzione dello stress) che possano aiutare a ridurre lo stato infiammatorio in modo naturale.

 

 

 
 
 

In breve

LA SOLUZIONE? UNA VITA SANA

Considerato che la maggior parte dei dolori mestruali pare correlata a uno stato infiammatorio dell’organismo, che inizia dal momento premestruale, è opportuno favorire tutti i comportamenti alimentari e relativi allo stile di vita che riducano l’infiammazione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti