Dormire bene: dieci regole anti-insonnia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/05/2016 Aggiornato il 26/05/2016

Spegnere tv e cellulari almeno mezz'ora prima di andare a dormire ed evitare attività fisica e alcolici troppo a ridosso della sera sono solo alcuni consigli per dormire bene

Dormire bene: dieci regole anti-insonnia

Ne soffrono sia le donne sia gli uomini, con percentuali maggiori tra le rappresentanti del gentil sesso. Un disturbo sempre più diffuso a causa soprattutto di fattori psicologici come ansia e stress, ma anche di abitudini poco salutari. A parlare dei disturbi del sonno e a fare il punto sui consigli da seguire per combattere l’insonnia e i risvegli notturni è Antonio Culebras, organizzatore del “World Sleep Day 2016”.

Il decalogo del buon sonno

1: non bere alcolici prima di andare a dormire. L’acol, esattamente al contrario di ciò che comunemente si crede, non facilita il sonno poiché induce un sonno molto leggero che non permette al cervello di riposare come dovrebbe.

2: praticare sport durante il giorno. Svolgere regolarmente attività fisica migliora le probabilità di riposare bene di notte. Attenzione, però, agli orari: l’ideale sarebbe praticare sport fino a un massimo di sei ore prima di andare a letto, poiché dopo aver svolto esercizio fisico corpo e cervello rimangono iperattivi per diverse ore, provocando l’insonnia.

3: spegnere smartphone, tablet e altri dispositivi elettronici almeno mezz’ora prima di mettersi sotto le coperte. La luce emessa dagli schermi di tv, pc e simili provoca la soppressione della melatonina, l’ormone che facilita l’addormentamento e il sonno.

4: prima di dormire ci si dovrebbe rilassare con luci basse e soffuse aiutandosi, magari, con una buona lettura o con l’ascolto di musica a volume basso (ed evitando composizioni eccessivamente ritmate).

5: cercare di lasciare fuori dalla stanza da letto le preoccupazioni della giornata.

6: bere una bevanda calda prima di andare a letto è un buon metodo per rilassarsi (ovviamente non deve contenere caffeina e non deve essere alcolica).

7: alzarsi presto al mattino: “esporsi alla luce del mattino – spiega Culebras – è un modo per stabilizzare i tempi di sonno e veglia del nostro orologio biologico”. È importante anche evitare di dormire nel corso della giornata, soprattutto se il pisolino tende a durare più di 20 minuti.

8: fare sesso. Questo tipo di attività può essere considerata, oltre che una forma di esercizio fisico, un’attività rilassante per la mente, e dà risultati che si ripercuotono positivamente sulla qualità del sonno notturno.

9: cercare di vivere la questione “insonnia” alla leggera. Prenderla troppo sul serio non farà che peggiorare la situazione.

10: i farmaci devono essere l’ultima risorsa. Il ricorso ai medicinali per dormire va ponderato bene ed effettuato rigorosamente dietro consulto medico, evitando il fai-da-te.

 

 

In breve

NON BERE TROPPO PRIMA DI DORMIRE

Se bere una tisana prima di andare a dormire aiuta a rilassarsi, è bene però non esagerare con le quantità: troppi liquidi stimolano, infatti, l’attività della vescica, provocando frequenti risvegli.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pillola dimenticata: è alto il rischio di gravidanza?

01/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Se ci si dimentica di assumere il contraccettivo orale, basta prenderlo entro 12 ore dall'abituale per non correre rischi.   »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti