Dubbi sulla salute? L’85% cerca risposte sul web

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/12/2016 Aggiornato il 14/12/2016

Quando si tratta di cercare informazioni di carattere medico e sulla propria salute, l’85% degli italiani sceglie la Rete. Come e perché

Dubbi sulla salute? L’85% cerca risposte sul web

Inutile nasconderlo. Chi, di fronte a un sintomo strano o a dubbi sulla salute o su una cura o un esame, non ha mai cercato risposte sul web? Pochi, anzi pochissimi. Ormai Internet viene usato per cercare qualsiasi tipo di informazione: dal ristorante al volo aereo, fino all’idea regalo più originale. Non deve stupire, dunque, se rappresenta la principale fonte di informazione anche in fatto di salute. La conferma arriva dal rapporto Philips “Future Health Study 2016”.

Un’indagine sull’uso del web

L’indagine è stata condotta in 13 Paesi, inclusa l’Italia, e ha coinvolto complessivamente oltre 2 mila pazienti italiani. Gli autori hanno invitato i partecipanti a rispondere a una serie di domande in merito alla propria salute. Lo scopo era scattare una fotografia aggiornata sull’argomento.

Gli italiani cercano rassicurazioni

Dal rapporto è emerso che più della metà dei nostri connazionali, più precisamente il 58%, ha una percezione positiva della propria salute. Mediamente, comunque, effettuano cinque visite mediche all’anno per indagare in merito a disturbi reali o ricevere rassicurazioni. Inoltre, un italiano su cinque ha ammesso di essere stato ricoverato almeno una notte nei tre mesi precedenti lo studio.

Un punto di riferimento per molti

Quando si nutrono dubbi sulla salute, il punto di riferimento fondamentale è Internet. Ben l’85% dei partecipanti ha dichiarato di cercare sul web le risposte ai dubbi sulla salute. Non solo. Il 55%, prima di rivolgersi a un medico, si informa sulla sua reputazione online, leggendo recensioni e commenti di altri pazienti. In particolare, sono le persone residenti nelle regioni meridionali a basarsi sulle recensioni presenti nei vari siti.

Mezzo di comunicazione

La Rete viene utilizzata anche per interagire con il proprio medico, rivelandosi una risorsa preziosa a tutti i livelli: circa 1 italiano su 2 (il 52%) comunica con il medico attraverso canali e strumenti digitali. Inoltre, ben il 72% preferisce ricevere diagnosi, pareri e riscontri online.

Donne in pole position

I più grandi utilizzatori del “dottor web” sono le donne, le persone con una scolarità superiore e quelle che soffrono di malattie croniche, come il diabete.

 

 

In breve

VIA LIBERA ALLA TECNOLOGIA

Gli italiani, oltre a Internet, apprezzano molto anche i dispositivi tecnologici che permettono di monitorare o migliorare le proprie condizioni di salute, come gli smartwatch e in generale gli strumenti legati all’attività sportiva.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti