E-cig: pericolosi i liquidi alla marijuana

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 25/10/2019 Aggiornato il 25/10/2019

L’utilizzo di e-cig è stato spesso indicato come la causa primaria della preoccupante escalation di casi di polmonite negli Stati Uniti. In realtà, il motivo potrebbe risiedere nel modo in cui si utilizzano le sigarette elettroniche. Sotto accusa i liquidi fai-da-te, in particolare quelli alla marijuana

E-cig: pericolosi i liquidi alla marijuana

Negli ultimi mesi, negli Stati Uniti si sono registrati diversi casi di polmonite. Spesso il dito è stato puntato contro le e-cig. In realtà, spiega Fabio Beatrice, direttore otorinolaringoiatria e Centro Antifumo ospedale San Giovanni Bosco di Torino, le cause sono ricercare nelle modalità di utilizzo delle sigarette elettroniche e nei liquidi  che si consumano, spesso “corretti” anche con marijuana.

No al fai-da-te

Quando si alterano i liquidi da inspirare o si producono in casa utilizzando sostanze come la marijuana, si sfugge a ogni controllo. Il problema è molto grave e, come già successo, si rischia la vita. Le autorità sanitarie statunitensi faticano ancora a trovare una risposta univoca a questa escalation, ma nella maggior parte dei casi i consumatori hanno ammesso di aver utilizzato liquidi per e-cig contenenti il principio attivo della marijuana (Thc).

Attenzione ai falsi allarmismi

I numeri sono significativi, ma focalizzare l’attenzione sulle e-cig rischia di creare falsi allarmismi. Le sigarette elettroniche sono un dispositivo che, se caricato con liquidi home made o con sostanze stupefacenti, espone ai gravi rischi per la salute che le sostanze stesse provocano. “Limitarsi a puntare il dito contro l’utilizzo in sé dell’e-cig non è corretto – precisa Beatrice – . L’attenzione dovrebbe essere rivolta alle modalità con cui si utilizzano e, alterare le ricariche con sostanze alla marijuana non può che rappresentare un pericolo per la salute”.

Polmonite chimica

“Quella che ha colpito i fumatori americani è una polmonite chimica che solitamente si registra in chi entra in contatto con sostanze chimiche come gas e pesticidi o i fumi provocati da un incendio. Il problema è quindi, nella modalità e nel cosa si fuma, non nella sigaretta elettronica in sé. Le polmoniti chimiche sono, infatti, paragonabili a quelle che si possono verificare in chi consuma crack o altre sostanze stupefacenti” conclude l’esperto.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I liquidi in commercio sono prodotti secondo a una severa legislazione e creati in laboratori aderenti alle più restrittive norme e soggetti a controlli di qualità costanti.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti