Elettrosmog, attenzione ai rischi della tecnologia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/10/2017 Aggiornato il 11/10/2017

Ridurre l’esposizione ai campi elettromagnetici è indispensabile per la salute. Il decalogo anti elettrosmog

Elettrosmog, attenzione ai rischi della tecnologia

I campi elettromagnetici (Cem) sono presenti nell’ambiente, originati sia da sorgenti naturali sia artificiali e possono influire negativamente sulla salute, a seconda della distanza dalla sorgente e della durata dell’esposizione. La Sima, Società italiana di medicina ambientale, ha recentemente pubblicato un decalogo di accorgimenti per ridurre l’esposizione all’ elettrosmog  indoor.

Gli effetti sull’organismo

I campi elettromagnetici più potenti interagiscono in misura maggiore con il corpo umano. Inoltre, maggiore è la distanza che l’onda elettromagnetica percorre, maggiore è la potenza che occorre per raggiungere il corpo. Negli ambienti chiusi l’organismo è colpito da molte sorgenti di elettrosmog a bassa intensità, come per esempio il Wi-fi, e da sorgenti ad alta intensità, quali il cellulare durante le chiamate e il cordless. Se si passa molto tempo sotto esposizione, si è sottoposti in misura consistente agli effetti inquinanti dell’ elettrosmog.

I consigli degli esperti

Con lo scopo di ridurre i rischi di esposizione all’ elettrosmog, la Sima ha indicato 10 consigli per limitare l’esposizione. Innanzitutto è opportuno diminuire il contatto con dispositivi elettronici: non stare davanti al microonde in funzione, disporre il baby phone lontano dalla culla, utilizzare apparecchiature elettrica il più lontano possibile dai bambini. Non tenere accese le apparecchiature elettroniche quando non sono in funzione (modalità stand by) e utilizzare il vivavoce durante le chiamate, preferendo colloqui brevi in luoghi dove la recezione è alta. Tra le altre raccomandazioni: posizionare Wi-fi e dispositivi elettronici nelle zone meno frequentate della casa, evitare di azionare tablet, computer e telefonini con Wi-fi attivato in automobile e progettare i luoghi di lavoro in modo da limitare quanto più possibile l’azione dei campi elettromagnetici.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Esiste anche un’app per Iphone e Android che misura i livelli di elettrosmog.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti