Food craving, quando il desiderio di cibo diventa malattia

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 25/08/2021 Aggiornato il 25/08/2021

Non è appetito e nemmeno fame, ma solo la necessità di cibi dolci, salati, ricchi di grassi e saporiti. Ecco che cos’è il food craving, una forma di compensazione psicologica

Food craving, quando il desiderio di cibo diventa malattia

Non è appetito, il normale desiderio di alimenti sani che si avverte prima dei pasti. E non è nemmeno fame, quel bisogno intenso di cibo che compare quando si è digiuni da diverse ore. Per capire che cos’è il craving, o più esattamente il food craving, si deve pensare a un insopprimibile desiderio di determinati cibi, possibilmente dolci, grassi, ricchi di sale e di condimenti.

Le cause del food craving

Il termine craving deriva dall’inglese e ha a che fare con le vere e proprie dipendenze da sostanze stupefacenti o da alcolici. Chi ne è soggetto, letteralmente non riesce a fare a meno di queste sostanze e, se non le può assumere, sta male, diventa nervoso e irritabile, preda di una sorta di crisi di astinenza. Lo stesso avviene con il food craving, ma l’oggetto del desiderio, che causa la dipendenza, è il cibo.
Non si sa ancora con sicurezza quali siano le cause che portano alla comparsa di questo disturbo. Secondo qualcuno è dovuto a problemi ormonali e metabolici, mentre per altri si tratta di uno scompenso a livello di neurotrasmettitori come serotonina o dopamina. Queste sostanze sono collegate con la percezione del benessere, dell’appagamento e del senso della fame.
In caso di squilibri, si avverte un’insoddisfazione che porta a cercare benessere nei cibi più gratificanti. Non si esclude però che possa trattarsi di un’esigenza psicologica, anche dovuta allo stress. Dopo aver seguito una dieta particolarmente restrittiva, infine, spesso si avverte il bisogno di consumare gli alimenti vietati, appunto zuccherati, grassi, ricchi di sapore.

I sintomi del craving

Chi è soggetto a food craving ha il pensiero fisso di procurarsi il cibo desiderato a qualunque costo e fatica a dedicarsi ad altro se prima non riesce a soddisfare questa esigenza.
Il disturbo colpisce più spesso i soggetti di sesso femminile rispetto ai maschi e, nei casi più seri, può essere una delle manifestazioni della bulimia o del binge eating, due disturbi alimentari che consistono nel mangiare enormi quantità di cibo senza un criterio, talvolta procurandosi il vomito.
Di solito chi sperimenta il craving verso gli alimenti non resiste alla tentazione di golosità tipo bignè alla crema, cioccolato, dolciumi in generale ma anche pizzette, patatine fritte, snack salati. Una volta che si è riusciti a mangiare il cibo agognato, non ci si sente meglio, anzi: si desidera subito consumarne ancora, in un circolo vizioso.

Come affrontare il problema

Il food craving non va trascurato perché può creare problemi di vario tipo. In primo luogo, causa aumento di peso che, a sua volta, può portare a eccesso di colesterolo e trigliceridi nel sangue, diabete e ipertensione arteriosa. Inoltre la persona vive male, è preda di sensi di colpa, non riesce realmente a concentrarsi su nulla, limita le occasioni sociali per la difficoltà a trattenersi.

È quindi essenziale prendere coscienza che non si tratta di semplice golosità. Sicuramente rivolgersi al medico è il primo passo per escludere che ci siano carenze alimentari o problemi psichiatrici alla base di questo comportamento. Anche parlare con uno psicologo può essere un modo per inquadrare il problema. Esiste comunque una serie di strategie utili da mettere in pratica a casa propria.

I suggerimenti utili

– Evitare le tentazioni. Sapere di avere in casa dolciumi, gelati, sfiziosità di tutti i tipi fa incentrare la mente solo su quello. Quindi, è bene non acquistare questi prodotti, preferendo invece spuntini sani come frutta e cereali integrali.

– Concentrarsi su altro. Quando scatta il desiderio irrefrenabile di cibo, è utile spostare il pensiero su altro, come dedicarsi al giardinaggio, fare un disegno, giocare con il gatto, uscire a fare un giro in bicicletta.

– Controllare lo stress. Se ci si accorge che il pensiero del cibo è collegato con i momenti di ansia o tensione, è importante cercare di tenere a bada queste sensazioni. Ci si può aiutare con la meditazione, lo yoga, il controllo del respiro, semplicemente ascoltando una buona musica e spostando il pensiero su cose piacevoli.

– Non punirsi. Se proprio non si è riusciti a trattenersi, meglio evitare di maturare pensieri negativi e punirsi con un giorno di digiuno. L’unico risultato che si ottiene è peggiorare la percezione di se stessi nel corretto rapporto con il cibo.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Se si hanno problemi di food craving non ci si deve nascondere: è meglio condividerli con il partner, gli amici e i famigliari perché si rendano conto della situazione e forniscano un essenziale supporto.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti