Ictus e infarto: una app calcola il rischio

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 28/03/2017 Aggiornato il 28/03/2017

È stata messa a punto una nuova applicazione, tradotta in diverse lingue, in grado di calcolare, inserendo pochi semplici dati, il rischio di andare incontro a ictus e infarto, riconoscendone i sintomi. Vediamo come funziona

Ictus e infarto: una app calcola il rischio

Calcolare e ridurre il rischio di ictus e infarto attraverso l’utilizzo di una semplice app oggi si può. Ma gli esperti precisano: no ai farmaci fai-da-te. Dopo il test online occorre eseguire approfonditi accertamenti medici.

Il riskometro

Chiunque può effettuare il test e conoscere indicativamente lo stato di salute del proprio cuore grazie aduna nuova app: basta inserire pochi semplici dati per avere una risposta nel giro di pochi secondi. Si tratta di un “riskometro”, uno strumento che misura il rischio di andare incontro a ictus e infarto, tradotto in diverse lingue e disponibile in italiano grazie al supporto di Alt, l’Associazione per la lotta alla trombosi e alle malattie cardiovascolari-Onlus, che l’ha  finanziata. L’applicazione è stata sviluppata da Valery Feigin dell’Università di Auckland, in Nuova Zelanda, in collaborazione con Aut enterprises e l’associazione per l’educazione allo stroke.

Uno strumento di prevenzione individuale

La valutazione del rischio cardiovascolare di una persona è uno degli obiettivi principali della prevenzione individuale. Tale valutazione ha come obiettivo la riduzione dei fattori di rischio modificando lo stile di vita e, quando serve e sotto controllo medico, intervenendo con i farmaci. “Siamo orgogliosi di aver contribuito alla diffusione del Riskometer, rendendolo accessibile anche nella versione in italiano – dice la presidente di Alt, Lidia Rota Vender – perché anche gli studi più recenti confermano che in 80 persone su 100 l’ictus è non solo prevedibile, ma soprattutto evitabile”.

Riconosce i sintomi

La nuova applicazione è scaricabile gratuitamente e aiuta a mettere in fila i fattori di rischio individuali, modificabili e non. Fornisce, inoltre, le informazioni necessarie per modificare i rischi legati soprattutto allo stile di vita. È disponibile sia per Apple sia per Android ed è semplice da utilizzare: monitora le abitudini e la salute in  un anno. Aiuta a riconoscere i sintomi dell’ictus che, se intercettati tempestivamente, possono innescare in tempi utili la catena dei soccorsi, evitare l’insorgere di invalidità permanenti e permettere un recupero migliore. Anche riconoscere per tempo i sintomi di un infarto può salvare la vita.

Abitudini scorrette da modificare

Ictus e infarto sono causati, oltre che da familiarità, stress e ambiente, da abitudini e stili di vita sbagliati: fumo in eccesso, alimentazione scorretta,  sedentarietà, diabete, pressione alta, livelli di colesterolo elevati. L’applicazione offre consigli per una vita salutare e, in una serie di video curati da specialisti, spiega i sintomi e i fattori di rischio dell’ictus cerebrale.

Dati raccolti per una ricerca mondiale

“I dati raccolti attraverso l’applicazione – spiega Paola Santalucia, neurologa, cardiologa e vice-presidente Alt – permetteranno a chi la utilizza, previo consenso, di partecipare a una ricerca mondiale che coinvolge 160 Paesi, finalizzata a comprendere sempre più a fondo i fattori di rischio capaci di determinare un ictus o un infarto. Il progetto aiuterà ricercatori e clinici a tracciare in modo molto accurato strategie di prevenzione e cura, basandosi sull’esame di un grande numero di profili di rischio individuali che, considerati nel loro insieme, avranno una ricaduta fondamentale sulla salute cardio e cerebrovascolare di tutti in Italia e nel mondo”.

 

 

 
 
 

da sapere!

Infarto e ictus sono le principali cause di morte nel mondo. Ma l’80 per cento di queste morti potrebbe essere evitato intervenendo nei fattori di rischio modificabili: dieta, fumo, sedentarietà.

 

 

 

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Psicofarmaci in gravidanza: si possono assumere?
22/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono psicofarmaci compatibili con la gravidanza e con l'allattamento, quindi non è necessario sospenderne l'assunzione, anche se è opportuno che lo psichiatra li prescriva alla dose minima efficace.   »

Sulla riuscita della PMA
16/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente dall'età della donna.   »

Vaccinazioni: quanto aspettare dopo una malattia febbrile?
02/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Per ottenere la massima risposta immunitaria da una vaccinazione, occorre praticarla quando la condizione di salute del bambino è ottimale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti