Il diabete fa male al cuore, soprattutto alle donne

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/11/2015 Aggiornato il 04/11/2015

Le donne con il diabete rischiano l'infarto più degli uomini. Per il genere femminile, infatti, i rischi cardiaci sono risultati più elevati del 34%

Il diabete fa male al cuore, soprattutto alle donne

Il diabete mette a dura prova il cuore delle donne, più di quello degli uomini. È quanto emerge da uno studio italiano svolto in Toscana e presentato al meeting dell’Easd, l’Associazione europea per lo studio del diabete, a Stoccolma.

Il gender gap

Per la realizzazione della ricerca, il team ha raccolto e analizzato i dati dei ricoveri negli ospedali della Toscana in un periodo di 8 anni, dal 2005 al 2012, incrociandoli con i registri demografici regionali e un database dei pazienti diabetici. Su un totale di circa 3,2 milioni di abitanti sopra i 16 anni (per il 47% maschi), sono state conteggiate oltre 24.600 ospedalizzazioni per infarto miocardico acuto, quasi 27 mila per ictus ischemico e più di 17.628 per insufficienza cardiaca congestizia. I ricoveri per problemi cardiaci sono risultati maggiori come numero fra gli uomini, ma quando si valutava il rischio di infarto legato al diabete, i valori schizzavano in alto per le donne, soprattutto nella fascia di età tra i 45 e i 54 anni, dove si raggiungeva uno scarto del 34% rispetto alla controparte maschile. Il gap tra i due sessi valeva anche per ictus e insufficienza cardiaca congestizia.

Lo svantaggio femminile

I dati sullo “svantaggio” femminile sembrano confermati anche da un’altra ricerca, questa volta cinese, presentata sempre all’Easd. Si tratta di una revisione sistematica di 19 studi che coprono quasi 11 milioni di pazienti da cui emerge che le donne diabetiche hanno circa il 40% in più di probabilità di soffrire di sindrome coronarica acuta (infarto o angina). Secondo i ricercatori italiani l’extra rischio di eventi cardiovascolari legato al diabete mostra significative differenze di genere. Le pazienti donne risultano particolarmente svantaggiate per quanto riguarda il rischio di infarto, poiché il gap scatta prima, intorno all’età della menopausa, e quindi dura di più. Per ictus e scompenso la forbice si apre dopo, nel periodo post-menopausa.

 

 

In breve

PROBLEMI SPESSO SOTTOVALUTATI

L’infarto è più letale nelle donne a causa dei ritardi nel riconoscerne i sintomi e quindi chiamare i soccorsi. Le donne colpite da un attacco cardiaco attendono troppo tempo prima di chiedere o ricevere i soccorsi e pertanto avere un trattamento adeguato.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Beta-bloccanti in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

11/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che siano disponibili farmaci che regolarizzano il ritmo cardiaco (e quindi la pressione sanguigna) compatibili con la gravidanza: spetta al cardiologo indicare quale terapia è corretto seguire perché tutto vada per il meglio.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti