Impiegati, malati di sedentarietà

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 24/12/2019 Aggiornato il 24/12/2019

Schiena curva, occhi rossi, sovrappeso, gambe gonfie. Così la sedentarietà fa ammalare gli impiegati

Impiegati, malati di sedentarietà

La sedentarietà è la causa principale di numerose malattie come mal di schiena, mal di testa, occhi secchi e rossi, gonfiore alle gambe e obesità. E gli impiegati rischiano di più. Secondo uno studio realizzato dall’azienda britannica Fellowes, la colpa sarebbe attribuita al troppo tempo trascorso seduti davanti al pc. È questo il destino degli impiegati in base ai risultati della ricerca che si è basata su alcune interviste online effettuate su più di 3.000 impiegati d’ufficio della Francia, Germania e Gran Bretagna.

I sintomi più comuni

Soltanto nel Regno Unito il 50% delle persone del campione soffre di secchezza e rossore agli occhi, il 48% di mal di schiena, una persona su due di mal di testa, oltreché di eczema, sovrappeso, obesità e gonfiore alle gambe.

Il pericolo maggiore dei nostri tempi

Secondo gli esperti, gli impiegati trascorrono molto tempo in ufficio stando seduti alla propria scrivania e al computer senza muoversi. Di conseguenza, i corpi iniziano ad atrofizzarsi accelerando problemi muscolo-scheletrici e aumentando la debolezza alle gambe e il rischio di malattie più gravi come tumori, trombosi e problemi cardiovascolari.

A rischio anche i bambini

La sedentarietà è uno dei problemi più comuni in Italia e all’estero: ha effetti negativi sulla salute ed è causa principale di molti disturbi, tra cui l’obesità nei bambini. Stare seduti ore davanti al pc o sul divano comporta seri danni all’organismo, che non funziona più al meglio.

Importante darsi una mossa

Per risolvere il problema basterebbe apportare dei cambiamenti nella propria vita lavorativa: fare maggiore movimento, aumentare le pause regolari durante le ore di lavoro e cambiare postura.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’antidoto ai danni della sedentarietà è uno stile di vita corretto ed equilibrato con movimento quotidiano, alimenti sani, senza fumo e alcol.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti