Inchiostro dei tatuaggi: attenzione al rischio cancro

Luce Ranucci A cura di Luce Ranucci Pubblicato il 22/11/2019 Aggiornato il 22/11/2019

Nuova allerta per l’inchiostro dei tatuaggi: 22 tipi su 100 sono pericolosi e talvolta cancerogeni. Ecco quali sono e come difendersi

Inchiostro dei tatuaggi: attenzione al rischio cancro

Occorre tanta attenzione alla scelta dell’inchiostro dei tatuaggi per non correre rischi di salute. Negli ultimi mesi, infatti, i carabinieri del Nas hanno controllato a livello nazionale varie tipologie di inchiostri dei tatuaggi e tinture, ispezionando l’intera filiera distributiva, con l’intento di verificarne composizione, qualità e sicurezza.

117 aziende controllate

Sotto la lente di ingrandimento dei Nas sono finite 117 aziende del settore, come centri di tatuaggio, importatori, produttori e distributori nazionali di pigmenti; sono stati prelevati 100 campioni di inchiostri dei tatuaggio e inviati ai laboratori per la ricerca di sostanze chimiche, come ammine aromatiche e idrocarburi policiclici aromatici (IPA).

A rischio 22 inchiostri

Le analisi sui campioni, svolte dal laboratorio accreditato dell’ARPA Piemonte1 hanno rilevato la non conformità di 22 campioni per la presenza sopra i limiti di legge di alcune sostanze, considerate potenzialmente tossiche o cancerogene. A seguito dei risultati, il ministero della Salute ha disposto provvedimenti urgenti, rivolti a tutti i soggetti appartenenti alla filiera (importatori, distributori ed utilizzatori), relativi al divieto di vendita e di utilizzo, di ritiro/richiamo dalla rete commerciale nonché all’obbligo di informare i soggetti che si sono sottoposti a tatuaggio circa la pericolosità dei prodotti, mediante sistemi di rintraccio dei clienti o altri metodi ritenuti efficaci.

Altri pericoli riscontrati

Durante i controlli, sono state contestate 31 infrazioni nei confronti dei responsabili di esercizi commerciali e di centri di tatuaggio dovute a mancanze autorizzative dei locali o degli attestati di formazione degli operatori, carenze igieniche e strutturali delle aree adibite all’applicazione del tatuaggio, utilizzo di prodotti privi di etichettatura o contenenti sostanze ed inchiostri non idonei e privi delle necessarie garanzie di sicurezza, sequestrando 248 confezioni di tinture e pigmenti.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I tatuaggi sono sempre più diffusi: nel 13,8% nelle donne e nel 11,7% negli uomini).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti