Incontinenza urinaria: colpita una donna su 4

Luciana Pellegrino
A cura di Luciana Pellegrino
Pubblicato il 03/05/2019 Aggiornato il 03/05/2019

Con l’incontinenza urinaria aumentano anche i problemi sessuali, danneggiando non solo la qualità della vita in generale ma anche quella di coppia. I rimedi possibili

Incontinenza urinaria: colpita una donna su 4

L’ incontinenza urinaria è un problema che interessa molte donne, soprattutto dopo il parto. Una malattia detta “silenziosa” poiché la maggior parte delle donne è restia a parlarne, generando tensioni e imbarazzo, ma che incide negativamente anche sulla vita sessuale di coppia.

Ne soffre più del 25% delle donne

In Italia sono milioni le persone, tra uomini e donne, colpite da questo disturbo. Oltre il 25% delle donne non ne parlano e contengono il problema facendo da sé, per esempio con l’uso di protezioni intime. Il primo passo da compiere, secondo gli esperti, invece, sarebbe quello di parlarne con il proprio medico e con il partner, per trovare i rimedi adeguati ed evitare che l’ incontinenza urinaria danneggi la qualità della vita sia di coppia sia relazionale.

Vita sessuale a rischio

Le principali motivazioni in grado di compromettere la vita sessuale femminile sono due: la paura di una fuga di urina durante l’atto sessuale, evenienza possibile in caso di incontinenza da urgenza, da sforzo o mista, e la percezione della propria femminilità compromessa, così come la capacità di sentirsi desiderabili.  Sessualità e incontinenza urinaria sono dunque legate tra loro per un discorso anatomico, una situazione che il 60% delle donne vive molto male tanto da rinunciare al rapporto sessuale. Le conseguenze sono diminuzione della libido, anorgasmia, dolore nei rapporti e difficoltà nel portare a termine un rapporto sessuale.

Come migliorare la situazione

Per migliorare la qualità della propria vita sessuale sono fondamentali non solo il dialogo ma anche una corretta informazione e il superamento degli imbarazzi iniziali, anche parlandone con il proprio partner.

 

 

Da sapere!

Per migliorare l’incontinenza urinaria, oltre a fare ricorso a terapie mediche, riabilitative e chirurgiche, è possibile effettuare esercizi specifici per rieducare e rafforzare i muscoli del pavimento pelvico.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti