Infarto, diabete e obesità uccidono una donna su 2

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/10/2018 Aggiornato il 09/10/2018

Infarto, diabete e obesità uccidono una donna su 2 e le malattie cardiovascolari costituiscano la principale causa di mortalità e disabilità nelle donne sopra i 50 anni

Infarto, diabete e obesità uccidono una donna su 2

Cuore a rischio per le donne, specialmente dopo i 50 anni: dieta, sport e niente fumo le regole principali per mantenersi in salute. I pericoli maggiori: infarto, diabete e obesità.

Cuore a rischio

È noto, infatti, che nel genere femminile queste malattie esordiscono circa 10-15 anni dopo gli uomini, per l’azione protettiva degli ormoni. Si stima inoltre che il 55% delle donne morirà per malattie cardiovascolari contro il 43% degli uomini. Tra i fattori di rischio, accanto a quelli comuni come ipertensione arteriosa, tabagismo, diabete, età e sovrappeso, si evidenziano fattori specifici per il sesso femminile, come menopausa, sindrome dell’ovaio policistico, malattie autoimmuni e patologie associate alla gravidanza.

Diabete e complicanze

Il diabete è l’ottava causa di morte negli uomini (3,1%) mentre è la sesta nelle donne, con il 3,9% dei decessi totali: nel sesso femminile aumenta da 3 a 7 volte il rischio di andare incontro a malattia coronarica rispetto agli uomini diabetici. Inoltre, le donne diabetiche hanno una maggiore prevalenza di obesità e ipertensione arteriosa, un peggior controllo dei valori di glicemia e colesterolo e maggior rischio di trombosi.

I consigli salvavita

Per questi motivi, siccome infarto, diabete e obesità uccidono una donna su 2, gli specialisti di medicina di genere hanno stilato un decalogo rosa per la salute del cuore. Ecco i consigli: ogni mese controllare la pressione sanguigna e almeno una volta all’anno i livelli di colesterolo e glicemia. Controllare il peso e il girovita. Fare almeno 30 minuti di attività fisica 3 volte alla settimana (camminate a passo veloce, corse leggere, bicicletta e nuoto). Smettere di fumare. A tavola: bere tanta acqua, almeno sei-otto bicchieri, limitando le bevande alcoliche, mangiare 5 porzioni di frutta e verdura al dì, latte, yogurt e latticini, moderando il consumo di carne, salumi e uova e privilegiando il pesce (senza eliminare la parte grassa perché contiene grassi Omega 3). Siccome è ormai noto che infarto, diabete e obesità uccidono una donna su 2, è bene anche mantenere basso il colesterolo, mangiando cibi con pochi grassi saturi e preferendo gli oli vegetali, come quello extravergine di oliva. Ridurre l’apporto di sale, sia nella cottura sia come condimento.

 

 

In breve

PIU’ CHILI = MENO SALUTE

Per quanto riguarda il sovrappeso, più diffuso tra gli uomini (44,8% contro 28,2%), e l’obesità (10,8% vs 9,7%), nelle donne sono associati ad aumentato rischio di diabete di tipo 2, tumori e malattie cardiovascolari.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti