Infarto: tra donne e uomini non c’è parità

Laura Raimondi A cura di Laura Raimondi Pubblicato il 21/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

Le donne colpite da infarto hanno un rischio di morte superiore ai maschi. Ecco perché

Infarto: tra donne e uomini non c’è parità

Le donne ricevono cure diverse dagli uomini dopo un infarto e ciò determina un rischio triplo di morte nell’anno seguente, rispetto agli uomini colpiti da attacco cardiaco.

Quasi 200.000 persone sotto esame

Perlomeno questo è quanto stabilito dalla University of Leeds in collaborazione con l’Istituto Karolinska di Stoccolma, al termine di una ricerca su ben 180.368 persone pubblicata sulla rivista medica Journal of the American Heart Association. La diversità nel trattare l’ infarto a seconda del genere si collega a uno stereotipo. Come afferma Chris Gale, uno degli autori dello studio, “gli infarti riguardano un ampio spettro di popolazione, comprese le donne e non solamente gli uomini di mezza età, fumatori e sovrappeso, spesso afflitti da altre patologie come il diabete”.

Le donne più svantaggiate

I ricercatori hanno puntato il dito contro il fatto che le donne hanno meno probabilità di usufruire della terapia standard di cui beneficiano gli uomini. In particolare, alle donne sono prescritti meno frequentemente l’aspirinetta (meno 16%), utile a prevenire i trombi, e i farmaci per il trattamento del colesterolo alto come le statine (meno 24%). Inoltre, procedure chirurgiche, come bypass e stent, non sono previste a parità di necessità per le donne (meno 34%).

 

 

 
 
 

Da sapere!

In conclusione, se le donne ricevessero tutte le terapie raccomandate dopo un infarto, la forbice nella mortalità tra i due sessi si annullerebbe.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti