Infortuni sugli sci: ecco come evitarli

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 06/02/2020 Aggiornato il 06/02/2020

Fare stretching, seguire una dieta bilanciata, bere molto: ecco alcune regole che aiutano a ridurre il rischio di infortuni sugli sci. Valgono per grandi e bambini

Infortuni sugli sci: ecco come evitarli

Lo sci, per quanto affascinante e divertente, espone ad alcuni rischi. Basti pensare che secondo gli ultimi dati del Sistema nazionale di sorveglianza degli infortuni sugli sci (Simon) attivato dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss), 30mila persone sono incappate in infortuni sugli sci: 25mila hanno necessitato di primo soccorso e circa 1.100 di ricovero in ospedale. Per questo, è importante fare il possibile per prevenire gli infortuni sugli sci. Ecco qualche consiglio utile in vista della settimana bianca.

Le zone più colpite

Quando si scia non sempre si pensa ai possibili pericoli che si corrono. Eppure, sulle piste si è esposti a due tipi di rischi principali. Il primo è quello di farsi male perché non si è sufficientemente allenati o perché si è stanchi (soprattutto a fine giornata). Il secondo è legato alle cadute. In entrambi i casi, ci si può procurare lesioni di vario tipo. Le più comuni? Secondo l’Iss chi pratica sci alpino tende soprattutto a procurarsi lesioni agli arti inferiori (53.4%). Più rari sono gli infortuni agli arti superiori (16,3%) e ancora meno quelli alla zona del cranio e del viso (13.4% dei casi). Al contrario, in chi utilizza lo snowboard sono più frequenti le lesioni agli arti superiori (44.5%) rispetto a quelle agli arti inferiori (23%).

Sì alla laser terapia

Fra i trattamenti più indicati in caso di infortuni sugli sci c’è la laserterapia. In particolare, è utile la Theal Therapy, una terapia laser, messa a punto da Mectronic (azienda specializzata in apparacchiature medicali), che permette di adattare la lunghezza d’onda a vari parametri, come età, dolore, fototipo e tipologia di tessuto. “L’ausilio di Theal Therapy, che ho utilizzato più volte, è un valido alleato nella cura di questi infortuni grazie alla sua tecnologia laser che massimizza gli effetti terapeutici e riduce i tempi di recupero soprattutto in caso di patologie acuto-croniche” conferma il dottor Andrea Panzeri,  dirigente medico presso l’Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano .

Le regole da seguire

Ecco, i consigli degli esperti per ridurre i rischi di infortuni sugli sci.

1. Curare l’ alimentazione

Gli sport invernali richiedono un grande dispendio di energia, per questo è importante seguire un’alimentazione salutare e bilanciata.

2. Procurarsi la giusta attrezzatura

Sci, scarponi e casco devono essere certificati e della corretta misura.

3. Bere a sufficienza

Prima e durante una giornata sulla neve è importante bere a sufficienza, così da garantire l’equilibrio idrico del corpo.

4. Rispettare le regole

Sulle piste da sci non si può fare ciò che si vuole. Al contrario, è importante attenersi ai regolamenti e seguire i consigli di maestri ed esperti. Molti infortuni accadono ai neofiti che non prestano le dovute cautele.

5. Non sottovalutare le condizioni atmosferiche

Prima di mettersi gli sci ai piedi, controllare le condizioni atmosferiche e i rischi valanghe, tenendo presente che in montagna il meteo può cambiare rapidamente.

6. Fare sempre stretching

Prima di lanciarsi sulle piste eseguire sempre esercizi di stretching per scaldare i muscoli. Si tratta di una buona abitudine che riduce il rischio di infortuni.

7. Arrivare preparati sulle piste

Se possibile, prima della stagione invernale, effettuare un periodo di allenamento. In questo modo, si arriva più preparati all’appuntamento con gli sci, oltre a godere di un maggior benessere.

 

 

Da sapere!

Per ridurre il rischio di infortuni sugli sci è importante non strafare: evitare di sciare tutto il giorno se il proprio grado di allenamento non è particolarmente elevato.

 

Fonti / Bibliografia
  • Incidenti sulle piste da sci – Il sistema di sorveglianza SIMON
  • Istituto Ortopedico GaleazziFondato nel 1963, l’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano è, dal 2001, il primo ospedale per ricoveri ortopedici della Regione Lombardia e, con 3300 interventi di chirurgia protesica l’anno e 1000 interventi di artrodesi spinale l’anno, è il centro di riferimento nella malattia dell’apparato locomotore. Situato nella zona nord-ovest di Milano, con un’estensione di 35.755 mq, rappresenta un centro di eccellenza nella ricerca biomedica clinica e pre-clinica e nell'attività didattica come sede di insegnamento del Corso di Laurea di Medicina e Chirurgia in convenzione con l’Università degli Studi di Milano. L’Istituto Ortopedico Galeazzi entra a far parte del Gruppo Ospedaliero San Donato del 2000.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti